Questo articolo è stato letto 144 volte

Il Commento – Il controllo di gestione quale strumento di verifica e correzione di scelte strategiche

di G. Russo (www.bilancioecontabilita.it 16/2/2016)

Il sistema dei controlli interni, previsto nel nostro ordinamento giuridico dal decreto legislativo n. 267/2000 (TUEL), svolge, nell’ambito della gestione degli enti locali, un ruolo importantissimo: quello di verificare la capacità dell’Amministrazione ad operare attraverso una chiara programmazione degli obiettivi gestionali e, tramite l’acquisizione di dati e informazioni, autocorreggere la propria azione amministrativa.

Questo sistema deriva, in larga parte, dal decreto legislativo n. 286, del 30 luglio 1999. Il decreto, come altri adottati negli anni ‘901, fa parte di un percorso di riforme della pubblica amministrazione che vede prevalere il principio per il quale l’attività pubblica deve essere orientata al raggiungimento degli obiettivi gestionali nel quadro di programmi o progetti predeterminati, piuttosto che essere preordinata all’esclusivo espletamento di meri adempimenti burocratici.

Il panorama dei controlli interni così delineatosi e, successivamente trasfuso nel Testo Unico del 2000, ha subito però un deciso restyling con l’emanazione del decreto legge n. 174, del 10 ottobre 2012, convertito nella legge n. 213, del 7 dicembre 2012.

Continua a leggere l’articolo

 

La gestione delle entrate e delle spese degli enti locali

La gestione delle entrate e delle spese degli enti locali

di Elisabetta Civetta

La riforma contabile di cui al D.Lgs. 118/2011, ed in particolare il nuovo concetto di competenza finanziaria potenziata, sta compor- tando per gli Enti locali un radicale cambiamento che incide sulla fase di gestione delle entrate e delle spese e, conseguentemente, si traduce anche in novità che devono essere recepite nella redazione dei relativi atti amministrativi.

Nel volume sono stati analizzati il DUP, il bilancio, il PEG, il piano degli indicatori, le variazioni di bilancio, l’assestamento e la salvaguardia degli equilibri. Per ogni strumento di programmazione sono stati proposti i relativi schemi-tipo di atti amministrativi e forniti i riferimenti legislativi al fine di individuare il quadro normativo.

Con il presente volume, da considerarsi complementare all’altro, si passa dalla programmazione alla gestione pura del bilancio, attraverso la conta- bilizzazione delle operazioni afferenti alle entrate e alle spese.

» Acquista Subito

© RIPRODUZIONE RISERVATA