Questo articolo è stato letto 16 volte

Il Dipartimento della Funzione Pubblica rende nota la circolare n.5/2013 sul precariato, dopo l’avallo da parte della Corte dei Conti.

Il Ministro per la pubblica amministrazione e la semplificazione con comunicato del 04/12/2013 pubblica la circolare n.5/2013 precisando che:

La Corte di Conti ha registrato in data odierna la circolare n° 5 del 21 novembre 2013, firmata dal ministro per la Pubblica Amministrazione e la Semplificazione Gianpiero D’Alia, che fornisce i primi indirizzi alle pubbliche amministrazioni sulle misure volte a favorire il superamento del precariato, contenute nel nuovo decreto legge 101/2013 sul pubblico impiego divenuto legge. La circolare, disponibile sul sito del Dipartimento della Funzione Pubblica, fornisce indicazioni e chiarimenti sulle procedure di reclutamento di personale nelle Pa.

“Il decreto – si legge nella premessa della circolare – si colloca nell’ambito delle misure necessarie e urgenti del Governo”. Gli obiettivi – spiega il testo –  sono “razionalizzare e ottimizzare i meccanismi assunzionali”, “garantire gli standard operativi e i livelli di efficienza ed efficacia dell’attività svolta dalle amministrazioni pubbliche, valorizzando anche l’esperienza professionale maturata con contratti a tempo determinato” e “favorire la mobilità del personale in eccedenza”. “Pur non potendo fornire una piena soluzione al problema, vista la difficile situazione della finanza pubblica e le conseguenti limitazioni in materia di assunzioni a tempo indeterminato – conclude la premessa – le previsioni normative forniscono efficaci strumenti d’intervento”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA