Questo articolo è stato letto 429 volte

Errati riaccertamenti straordinari dei residui da parte dei Comuni. Nuove analisi di criticità – Il Commento di V. Giannotti

di V. Giannotti

I magistrati contabili continuano gli esami dei conti consuntivi 2014 degli enti locali, a cui erano collegati i successivi riaccertamenti straordinari dei residui al fine dell’obbligatorio passaggio ai nuovi principi della contabilità armonizzata. Questa volta, dopo i giudici liguri, toscani e laziali, sono i giudici contabili campani ad evidenziare le criticità e gli errori effettuati tale da imporre una nuova procedura con riapertura dei conti consuntivi al fine di sanare gli errori riscontrati. Le criticità questa volta evidenziate riguardano:

  • L’illegittima eliminazione dei residui attivi e passivi nella fase di riaccertamento straordinario anziché nella fase del riaccertamento ordinario, con impatto diretto sull’avanzo di amministrazione;
  • Illegittima reimputazione dei residui attivi negli anni successivi e mancata evidenza del Fondo Pluriennale Vincolato;
  • Dubbia reimputazione dei residui passivi di parte capitale;
  • Mancato calcolo del Fondo Crediti di Dubbia Esigibilità.

Le su citate criticità sono state analizzate dalla Corte dei conti, Sezione regionale di controllo per la Campania, nella deliberazione 2016 n. 332/2016 qui di seguito commentata.

ERRATO RIACCERTAMENTO DEI RESIDUI ATTIVI E PASSIVI
Rilevano i giudici contabili, a seguito dell’analisi dei dati trasmessi, come l’ente abbia cancellato in modo illegittimo i residui attivi nella fase di riaccertamento straordinario quando gli stessi avrebbero dovuto esserlo nella fase di riaccertamento ordinario, ciò che ha comportato un non corretto calcolo dell’avanzo di amministrazione nel conto consuntivo 2014.

Continua a leggere l’articolo

 

Per maggiori approfondimenti consulta lo SPECIALE sul RIACCERTAMENTO STRAORDINARIO DEI RESIDUI

 

Novità editoriale:

quattro_principi_contabili

I quattro principi contabili applicati

di Elisabetta Civetta

Il Pacchetto comprende:
1. Il principio applicato della programmazione, Allegato 4/1 del D.Lgs. 118/2011
2. Il principio applicato della contabilità finanziaria, Allegato 4/2 del D.Lgs. 118/2011
3. Il principio applicato della contabilità economico patrimoniale, Allegato 4/3 del D.Lgs. 118/2011
4. Il principio applicato del bilancio consolidato, Allegato 4/4 del D.Lgs. 118/2011

SCOPRI DI PIU'

© RIPRODUZIONE RISERVATA