Questo articolo è stato letto 86 volte

Vincenzo Giannotti – Legittimo il rifiuto del pubblico dipendente a svolgere lavoro straordinario, anche in caso di esigenze straordinarie

La possibilità da parte del dirigente di obbligare, per esigenze di servizio, i propri dipendenti allo svolgimento di attività straordinarie, incontra il limite dell’accettazione da parte dei dipendenti del maggior orario di lavoro a loro richiesto. Il dirigente, pertanto, che vede rifiutarsi l’adempimento da parte dei proprio personale allo svolgimento delle attività richieste quale lavoro straordinario, non ha più a disposizione l’arma della sanzione disciplinare, in quanto l’eventuale rifiuto alle prestazioni straordinarie richieste, incontra il limite anche nel lavoro pubblico della necessaria ed obbligatoria accettazione da parte del dipendente. Questa è la sintesi dei contenuti rinvenibile nella recente Sentenza del 04 agosto 2014, n. 17582 della Corte di Cassazione, sezione del lavoro, qui di seguito sintetizzata.

 

ABBONATI E CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO

© RIPRODUZIONE RISERVATA