Questo articolo è stato letto 27 volte

Stato/Citta’ – Da Anci ok a modalità distribuzione della Carta d’Identita’ elettronica e a formazione dei segretari comunali

Con comunicato del 17/12/2015 l’ANCI rende noto che:

Carta d’indentità elettronica e piano di formazione ed aggiornamento dei segretari comunali e provinciali. Sono questi i punti principali affrontati dalla Conferenza Stato-Città, riunitasi‎ questa mattina al ministero dell’Interno a cui, in rappresentanza dell’Anci, ha partecipato il vicepresidente e sindaco di Valdengo Roberto Pella.

Sul primo argomento, quello della formazione dei segretari comunali e provinciali, Pella ha consegnato un documento Anci-Upi nel quale si definiscono gli indirizzi per il piano triennale (2016-2018) ‎delle attività formative, che prevedono, sulla base delle disponibilità riscontrate dal Viminale, tre milioni di euro per ciascuna annualità.

“Il nostro documento – ha spiegato Pella dando il parere favorevole dell’Associazione – ripropone nella sostanza quello già presentato al Consiglio Direttivo per l’albo nazionale dei segretari comunali e provinciali. Tuttavia contiene anche altre due richieste: quella di invitare il Consiglio direttivo stesso a deliberare un documento di indirizzo che tenga conto delle proposte di Anci e quella prevedere uno schema di convenzione per l’attuazione del Piano, da sancire nel prossimo mese di gennaio tramite intesa in‎ Conferenza Stato-Città”.

Parere favorevole anche per quanto riguarda lo schema di decreto del ministero dell’Interno con cui, in accordo con il Mef, si definiscono le modalità tecniche di emissione della carta d’identità elettronica. “Nel corso di un incontro tecnico con il ministero dell’Interno e l’Ipzs – ha detto il vicepresidente Anci – abbiamo formulato alcune richieste di emendamento che sono state recepite. In questa sede vogliamo anche sollecitare il ministero dell’Interno a valutare la possibilità, facoltativa per i cittadini, di ricevere la Carta in Comune. La doppia opzione potrebbe essere utile soprattutto in alcune aree montane e in territori particolarmente svantaggiati”.

Nel corso della riunione, infine, Pella ha tenuto a ringraziare nuovamente il ministero dell’Interno per la giornata di ieri, “dove si sono messe le basi per una nuova agenda dedicata ai piccoli Comuni” che partirà con l’inizio del nuovo anno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA