Questo articolo è stato letto 3 volte

Spesometro, doppia proroga

Fonte: Italia Oggi

Doppia proroga per lo spesometro: è infatti in arrivo la proroga per l’invio delle comunicazioni 2012 da parte degli operatori finanziari, mentre con provvedimento del 31 gennaio (si veda ItaliaOggi di ieri) l’Agenzia delle entrate ha previsto lo slittamento al 3 luglio 2013 (il terzo) per quanto riguarda l’invio delle comunicazioni relative al 2011 da parte degli operatori finanziari per le spese effettuate con carte di credito, di debito e prepagate. In tale provvedimento, però, non si faceva riferimento né al termine delle comunicazioni 2012 né tantomeno al rilascio del tracciato record informatico. Su quest’ultimo punto, in realtà, la disposizione firmata da Attilio Befera rinvia a un successivo intervento di prassi. Ed è proprio in questo ulteriore provvedimento, secondo quanto ItaliaOggi è in grado di anticipare, che sarà prevista anche la nuova data per gli invii per il 2012. Un intervento necessario, perché diversamente si creerebbe un disallineamento paradossale: per le informazioni 2012 gli operatori avrebbero dovuto provvedere alla trasmissione all’Agenzia delle entrate entro il 30 aprile 2012, mentre per i dati del 2011, meno recenti, avrebbero avuto molto più tempo, dovendo adempiere entro il 3/7/2013. La comunicazione, come detto rinviata per la terza volta, andrà a completare, per l’anno 2011, il quadro delle operazioni sottoposte al monitoraggio attraverso la comunicazione telematica istituita dall’articolo 21 del dl 78/2010, aggiungendo ai dati che forniscono gli esercenti, per gli acquisti sopra i 3.600 euro, anche quelli relativi agli acquisti pagati con modalità diverse da assegni e bonifici, cioè quelli pagati con moneta elettronica. Il rinvio, si legge nelle motivazioni del provvedimento, è dovuto alle problematiche tecniche emerse per la revisione del tracciato record. Nel provvedimento, tuttavia, si precisa che il differimento del termine dal 31/1/2013 al 3 luglio non determina alcun ostacolo all’attività di controllo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA