Questo articolo è stato letto 1 volte

Rapporto sulle entrate tributarie e contributive di gennaio-giugno 2014.

Con comunicato del 19/08/2014 il Ministero dell’Economia e delle Finanze rende disponibile sui siti www.finanze.gov.it e www.rgs.mef.gov.it il Rapporto sull’andamento delle entrate tributarie e contributive del periodo gennaio-giugno 2014, redatto congiuntamente dal Dipartimento delle Finanze e dal Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato ai sensi dell’art. 14, comma 5, della legge di contabilità e finanza pubblica (L. 31 dicembre 2009, n.196).

SINTESI

Le entrate tributarie e contributive nel periodo gennaio-giugno 2014 mostrano nel complesso una sostanziale stabilità (-0,4% , corrispondente a -1.257 milioni di euro), rispetto all’analogo periodo dell’anno precedente.

La lieve variazione registrata è la risultante di due elementi principali: la diminuzione del gettito tributario dello 0,7% (-1.510 milioni di euro), che sconta la flessione dell’IRES (-3.449 milioni di euro, pari al -26%) dovuta ai minori versamenti a saldo 2013 e in acconto 2014 effettuati da banche e assicurazioni, conseguenti alla maggiorazione dell’acconto 2013 (fissato al 130% dal D.L. n. 133 del 30 novembre 2013); la crescita, in termini di cassa, delle entrate contributive pari a +0,2% (+253 milioni di euro), un risultato positivo che sconta peraltro gli effetti delle misure di riduzione del cuneo fiscale previste per i premi assicurativi INAIL dalla legge di stabilità per il 2014.

Il dato sulle entrate tributarie comprende anche i principali tributi degli enti territoriali e le poste correttive, quindi integra quello già diffuso con la nota del 5 agosto scorso.

Sul sito del Dipartimento Finanze è altresì disponibile il Report delle entrate tributarie internazionali del periodo gennaio-giugno 2014, che fornisce l’analisi dell’andamento tendenziale del gettito tributario per i principali Paesi europei, sulla base delle informazioni diffuse con i “Bollettini mensili” di Francia, Germania, Irlanda, Portogallo, Regno Unito e Spagna.

© RIPRODUZIONE RISERVATA