Questo articolo è stato letto 4 volte

Patto di stabilità interno – richieste di spazi finanziari differito al 15/11/2013.

Con comunicato del 31/10/2013 il Ministero dell’Economia e delle Finanze rende noto che:

È stato firmato il Decreto del Ministro dell’economia e delle finanze, di concerto con il Ministro dell’interno, d’intesa con la Conferenza Stato-città ed autonomie locali, concernente la riduzione degli obiettivi programmatici del patto di stabilità interno per l’anno 2013 delle province e dei comuni con popolazione superiore a 1.000 abitanti, in attuazione dell’articolo 1, comma 122, della legge 13 dicembre 2010, n. 220.

In attesa della pubblicazione in G.U., si ritiene utile diffondere il testo del Decreto del Ministro dell’economia e delle finanze, di concerto con il Ministro dell’interno del 30 ottobre 2013, n. 89037, concernente la riduzione degli obiettivi programmatici del patto di stabilità interno per l’anno 2013 delle province e dei comuni con popolazione superiore a 1.000 abitanti, in attuazione dell’articolo 1, comma 122, della legge 13 dicembre 2010, n. 220.

A causa del rallentamento dell’iter di adozione del decreto in oggetto connesso agli effetti della sentenza della Corte costituzionale n. 219 del 2013 sul regime sanzionatorio applicato agli enti locali ubicati nei territori delle Autonomie speciali, il termine del 20 ottobre, entro cui devono pervenire le richieste di spazi finanziari da parte degli enti locali interessati a partecipare alla procedura prevista ai commi 1 e 2 dell’articolo unico del decreto, e quello del 30 ottobre per gli adempimenti di questo Dicastero di cui al comma 3 del medesimo articolo, sono rispettivamente posticipati al 15 e al 25 novembre.

Le richieste di spazi finanziari sono trasmesse utilizzando esclusivamente il sistema web appositamente previsto per il patto di stabilità interno all’indirizzo http://pattostabilitainterno.tesoro.it/Patto/”.

Ai fini dell’attribuzione degli spazi finanziari, non sono prese in considerazione le richieste pervenute oltre il termine perentorio del 15 novembre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA