Questo articolo è stato letto 18 volte

La competenza delle spese per impianti di collegamento ad internet e reti interne in caso di istituzione dei registri elettronici nelle scuole

di Vincenzo Giannotti

Il problema nasce dalla competenza comunale o delle istituzione scolastiche delle spese sostenute per interventi sull’estensione degli impianti per i collegamenti ad internet e per le reti interne al fine di predisporre gli edifici scolastici all’utilizzo del registro elettronico in ogni aula. In particolare D.L. 6 luglio 2012, n. 95, convertito nella L. 7 agosto 2012, n. 135 all’art.7 , commi 28 e ss. dispone:
Comma 28. A decorrere dall’anno scolastico 2012-2013, le iscrizioni alle istituzioni scolastiche statali di ogni ordine e grado per gli anni scolastici successivi avvengono esclusivamente in modalita’  on  line attraverso un apposito applicativo che il Ministero  dell’istruzione, dell’universita’ e della ricerca mette a disposizione delle scuole  e delle famiglie.
Comma 29. A decorrere  dall’anno  scolastico  2012-2013  le  istituzioni scolastiche ed educative redigono la pagella degli alunni in  formato elettronico.
Comma 30. La pagella elettronica ha  la  medesima  validita’  legale  del documento cartaceo ed e’ resa disponibile per le famiglie sul  web  o tramite posta elettronica o altra modalita’ digitale. Resta comunque fermo il diritto  dell’interessato   di   ottenere   su   richiesta gratuitamente  copia  cartacea  del  documento  redatto  in   formato elettronico.
Comma 31. A  decorrere  dall’anno  scolastico  2012-2013  le  istituzioni scolastiche e i docenti  adottano  registri  on  line  e  inviano  le comunicazioni agli alunni e alle famiglie in formato elettronico.
Comma 32. All’attuazione delle disposizioni dei commi da 27 a  31  si provvede con le risorse umane, strumentali e finanziarie  disponibili a legislazione vigente, senza nuovi o maggiori oneri a  carico  della finanza pubblica.
La risposta al quesito avanzato da un comune è contenuta nella Deliberazione n. 358 depositata in data 24/10/2013 della Corte dei Conti sezione regionale di controllo per il Piemonte.

Continua a leggere l’articolo

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA