Questo articolo è stato letto 2 volte

IRDCEC – Osservatorio Economico – Gennaio 2014

L’Istituto di ricerca dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili pubblica i dati relativi all’osservatorio economico del mese di gennaio 2014 precisando quanto segue:

Prosegue il miglioramento congiunturale dell’economia globale guidato dai paesi più industrializzati, Usa e Germania in testa, mentre le economie emergenti continuano a mostrare segnali di raffreddamento. Migliora anche il clima economico interno all’Unione europea trainata dalla forte spinta proveniente dalla ripresa dell’industria tedesca. Le principali banche centrali continuano a valutare la ripresa in atto come modesta e fragile e conservano un profilo di politica monetaria accomodante. I giudizi sull’economia italiana sono complessivamente positivi rispetto alla tenuta dei conti pubblici, ma la revisione al ribasso delle stime di crescita per il 2014, confermata dalle previsioni della Commissione europea, e i dati definitivi del 2013, che indicano un rapporto debito/pil del 132,7%, destano non poche preoccupazioni e inducono alla prudenza. Per il 2014 è attesa una ripresa significativa della produzione industriale che ha chiuso il 2013 con una contrazione del 3%, mostrando però una ripresa nell’ultimo trimestre dell’anno dello 0,7% in termini congiunturali.

Prodotto interno lordo. Nel 2013, il pil italiano è risultato pari a 1.560 miliardi e 24 milioni di euro con un calo in valore assoluto sul 2012 pari a 6 miliardi e 888 milioni di euro. La variazione percentuale è, dunque, negativa ed è pari a -0,4% composta da -1,9% di variazione in termini reali e +1,5% di variazione in termini nominali, ovvero di crescita dei prezzi. In particolare, nel 2013 i consumi delle famiglie in termini reali sono diminuiti del 2,6%, mentre gli investimenti sono calati del 4,7%. La domanda estera netta è cresciuta, invece, dello 0,8%. Sul piano settoriale, mentre l’agricoltura ha visto un incremento in termini reali dello 0,3% sul 2012, l’industria manifatturiera si è contratta del 3,1% con le costruzioni in calo del 5,9%. Anche il terziario, nel 2013, ha mostrato un andamento negativo con una contrazione del pil dello 0,9%.

Pressione fiscale. Nel 2013, la pressione fiscale ufficiale è risultata pari al 43,8% del pil, in calo di 0,2 punti percentuali rispetto al 2012, ed è risultata inferiore di 0,5 punti percentuali al livello previsto nell’aggiornamento del Def del 20 settembre 2013. Il calo imprevisto della pressione fiscale è imputabile interamente al calo delle imposte indirette collegato all’andamento negativo del pil e, quindi, dei consumi interni. In termini percentuali, il calo delle entrate fiscali (-0,8%) è stato superiore a quello del pil nominale (-0,4%) determinando, così, la riduzione della pressione fiscale.

Debito Pubblico. 2.068 miliardi il debito pubblico a fine dicembre (-36,65 mld. rispetto a novembre 2013 e +45,7 mld. rispetto a novembre 2012). Il rapporto debito/pil 2013 sale a 132,5% dal 127% del 2012.

Clima di fiducia. Risale a gennaio il clima di fiducia delle famiglie e delle imprese, con l’eccezione delle imprese delle costruzioni che mostrano un sensibile peggioramento.

Congiuntura. La ripresa della produzione industriale prosegue a un ritmo troppo modesto, mentre continua a contrarsi quella del settore delle costruzioni.

Finanza pubblica. Il rapporto deficit/pil 2013 è risultato pari al 3% ed è conforme agli obiettivi programmatici formulati nella nota di aggiornamento al Def del 20 settembre 2013. Il deficit in valore assoluto è risultato uguale a quello del 2012 per via di un calo della spesa totale in linea con il calo delle entrate.

Partite Iva. +3,9% le nuove partite Iva a dicembre 2013 grazie ad una crescita delle nuove partite Iva di società di capitali del 9% e a un calo di quelle di società di persone del 12,8%. Il risultato dall’inizio dell’anno è, però, negativo con un calo complessivo del 4,5% di nuove partite Iva: +7,2% le nuove partite Iva di società di capitali e -15,6% quelle di società di persone.

© RIPRODUZIONE RISERVATA