Questo articolo è stato letto 7 volte

Infornata di causali contributo per l’Inpdap, 45 quelle inedite

Tra nuove e ridenominate, sono 47 le causali in grado di dirottare, tramite F24, i contributi dovuti all’Inpdap. Su richiesta dell’Istituto nazionale previdenziale dei dipendenti pubblici, l’Agenzia delle Entrate, con la risoluzione 115/E del 29 novembre, oltre alle neoistituzioni e al ritocco dei nomi, ha provveduto alla soppressione di 3 causali contributo ormai obsolete.

Ogni causale identifica la natura dei versamenti ed è abbinata alla specifica cassa previdenziale, comunque gestita dall’Inpdap.

Nel modello di pagamento unificato trovano posto nella sezione “altri enti previdenziali ed assicurativi”, situata immediatamente sotto gli spazi riservati all’Inail, dentro il campo “causale contributo” e, naturalmente, la colonna da considerare è quella degli “importi a debito versati”.

Poi, di seguito, nel campo:

•“codice ente”, va riportato il codice 0003
•“codice sede”, va indicata la sigla della provincia dove è ubicata la sede Inpdap competente
•“codice posizione”, vanno “sintetizzate” le indicazioni fornite dall’Istituto previdenziale “periodo di riferimento da mese/anno a mese/anno”, ci si deve riferire al periodo di competenza del contributo versato.

Fonte: FiscoOggi.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA