Questo articolo è stato letto 89 volte

Il ruolo del revisore dei conti e il suo rapporto con l’ente locali

Approfondimento di V. Giannotti

In merito alla gestione di una società partecipata sono emerse diverse criticità ed un rapporto conflittuale con il ruolo dei revisori dei conti. Su quest’ultimo si è spesa la Corte dei conti per la Regione Siciliana (deliberazione n.123/2021) indicando tutti i compiti e le verifiche che la legge impone a tale figura professionale e l’obbligo dell’ente di seguire le indicazioni dal medesimo formulate sia nella sua attività di collaborazione, sia in caso di attività richiesta di consulenza.

Rapporti con le società partecipate

Dagli esami dei conti dell’ente locale sono emerse diverse anomalie ascrivibili alla pluriennale mancata osservanza dell’ente della disciplina effettivamente applicabile nei rapporti con la società partecipata in liquidazione. Ricorda il Collegio contabile che il socio pubblico deve realizzare la governante attraverso:

  • un adeguato sistema di controlli interni come disposto dal TUEL (cfr. art. 147- quater e art. 147-quinquies, comma 3);
  • una corretta descrizione dei rapporti contabili correnti con la partecipata attraverso specifici istituti: a) il consolidamento dei conti ex art. 151, co.8, TUEL e principio applicato n. 4/4 di cui D.lgs. 118/2011; b) la riconciliazione debiti e crediti di cui art. 11 D.lgs. n. 118/2011; c) l’accantonamento al fondo perdite (art. 21 TUSP);
  • il rispetto delle regole sul finanziamento della società (art. 14, co.5, TUSP), per non trasgredire la disciplina comunitaria sugli aiuti di Stato (art. 107 TFUE).

In tale ambito di criticità l’ente non ha seguito i diversi rilievi formulati dall’organo di revisione contabile venendo meno al rapporto fondamentale di compartecipazione alla corretta e sana gestione finanziaria. In particolare è stato evidenziato dall’organo di revisione la necessità di adottare misure funzionali alla corretta applicazione della contabilità armonizzata, a garanzia della stabile salvaguardia degli equilibri di bilancio, che, tuttavia, non risultano essere state prese in considerazione dall’ente.

Il ruolo del revisore dei conti

In merito al revisore dei conti, il cui ruolo è stato amplificato a seguito delle modifiche sul pareggio di bilancio introdotte nella nostra Costituzione…

>>>>>>CONTINUA A LEGGERE

 

 

 

La gestione dell’imposta di bollo

Regole e casistica operativa

Corso on-line in diretta a cura di Francesco Cuzzola
Giovedì 21 ottobre 2021 ore 10.00 – 13.00

 

 

L’imposta di bollo è un’imposta indiretta, detta anche imposta indiretta sugli affari.
A differenza delle altre forme di imposizione, per l’imposta di bollo lo Stato non interviene nel procedimento formativo del debito ad esso connesso, ma si limita a creare la disponibilità dei valori bollati presso i rivenditori autorizzati, istituendo nel contempo, a carico dei soggetti che pongono in essere attività giuridiche formali, l’onere di soddisfare la relativa obbligazione attraverso l’acquisto e l’utilizzo dei valori bollati stessi.
Il corso analizza:
–          l’oggetto dell’imposta di bollo (atti, documenti, registri);
–          l’assoggettamento o l’esenzione;
–          gli obblighi e le responsabilità dei funzionari pubblici.

Attraverso le apposite funzionalità della piattaforma sarà possibile porre domande e quesiti al docente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA