Questo articolo è stato letto 6 volte

Il riconoscimento del debito non fornisce di per se obbligazione al pagamento.

di Vincenzo Giannotti

La Corte di Cassazione con la recente sentenza n.405 del 10/01/2014 fornisce interessanti spunti sulle conseguenze del debito riconosciuto, ossia se tale riconoscimento possa o meno sanare un contratto eventualmente nullo o invalido, come quello privo della forma scritta “ad substantiam”.

Continua a leggere l’articolo

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA