Questo articolo è stato letto 231 volte

IL Commento – Errore dei giudici contabili sul calcolo dei resti assunzionali disponibili nell’anno 2016

di V. Giannotti (www.bilancioecontabilita.it 7/4/2016)

Il problema che si pone riguardo alla riduzione delle capacità assunzioni disposte dalla legge di stabilità 2016, la quale ha ridotto le precedenti percentuali previste dal d.l. n. 90/2014, è se tale riduzione dovesse essere intesa come liberamente utilizzabile, ovvero se anche tale percentuale dovesse essere dedicata alla ricollocazione del personale di area vasta così come stabilito dalla legge di stabilità 2015 al comma 424 dell’articolo 1. Inoltre, l’altra necessaria conferma si riferisce alle quote eventualmente ancora libere di eventuali resti assunzionali non ancora utilizzati da parte dell’ente. La risposta ai citati quesiti è contenuta all’interno della deliberazione n.63, depositata in data 24 marzo 2016, della Corte dei conti, Sezione di controllo per il Molise.

I PRECEDENTI DELLA SEZIONE DELLE AUTONOMIE
Il Collegio contabile molisano, ripercorre la normativa assunzionale precisando come in merito all’utilizzo delle capacità assunzioni non realizzatesi nel triennio precedente, sia intervenuta la Sezione delle Autonomie con la deliberazione n. 26/2015 la quale aveva modo di precisare che “gli enti locali possono effettuare assunzioni di personale a tempo indeterminato utilizzando la capacità assunzionale del 2014 derivante dalle cessazioni di personale nel triennio 2011-2013, sempre nel rispetto dei vincoli di finanza pubblica; mentre, con riguardo al budget di spesa del biennio 2015-2016 (riferito alle cessazioni di personale intervenute nel 2014 e nel 2015), la capacità assunzionale è soggetta ai vincoli posti dall’articolo 1, comma 424 della legge 190/2014 finalizzati a garantire il riassorbimento del personale provinciale”.

Continua a leggere l’articolo

La legge di stabilità 2016

di Elisabetta Civetta

L’analisi delle disposizioni in materia fiscale, di bilancio, contabilità, patto di stabilità, gestione, tributi locali e personale, in questo manuale che si apre con la mappa di tutte le novità contenute nella legge di stabilità 2016, favorendo l’immediato inquadramento delle modifiche intervenute e, grazie al rinvio alle pagine di commento, l’agevole consultazione del dettaglio operativo.

Strutturato in sezioni omogenee in materia di: 1. bilancio, contabilità, patto di stabilità e gestione, 2. aspetti fiscali, 3. personale, 4. tributi locali, 5. disposizioni varie, il testo si avvale della competenza e dell’esperienza di Elisabetta Civetta.

» Acquista Subito

© RIPRODUZIONE RISERVATA