Questo articolo è stato letto 2 volte

Guida alla redazione dei documenti per la trasparenza e tracciabilità della fase esecutiva dei contratti pubblici

Con comunicato del 02/03/2015 ITACA (Istituto per l’innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale) rende noto che:

La “Guida alla redazione dei documenti per la trasparenza e tracciabilità della fase esecutiva dei contratti pubblici di lavori, servizi e forniture (art.118 D.Lgs. 163/2006 e art.3 Legge 136/2010)”, realizzata da ITACA nell’ambito del Gruppo di lavoro interregionale “Legalità e Trasparenza” coordinato dalla Regione Campania, ha l’obiettivo di assicurare una corretta applicazione di norme vigenti, tese a garantire la tracciabilità e la trasparenza dell’esecuzione del contratto. Il documento è stato approvato dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome nel corso della seduta del 19 febbraio 2015. Per il Presidente della Conferenza delle Regioni, Sergio Chiamparino, si tratta di un lavoro tecnico importante, “un tassello in più per rafforzare controlli e trasparenza degli appalti pubblici”. In particolare, la guida individua per le stazioni appaltanti modalità standardizzate di comunicazione delle informazioni e dei dati. Adempimenti che oggi sono obbligatori e che trovano riscontro anche nelle direttive in via di recepimento, laddove – come evidenziato nel documento – si evidenzia la necessità di garantire trasparenza nella catena dei subappalti e a tal fine si sottolinea l’importanza delle informazioni nella gestione dei contratti. Le modalità proposte con il documento si offrono naturalmente a forme di trasmissione e acquisizione telematiche, conformi al Codice dell’Amministrazione Digitale, nonché alla gestione informatizzata dei dati stessi. Oltre ai benefici diretti, derivanti dalla semplificazione introdotta dalla guida, vanno infine considerati i ben più rilevanti risultati, in termini economici e sociali, che potranno derivare dalla maggiore trasparenza nel controllo della filiera dei sub-contratti che, come noto, nel ciclo dell’appalto presenta il più alto rischio di infiltrazione della criminalità organizzata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA