Questo articolo è stato letto 69 volte

Gli obblighi di dismissione delle quote societarie. Criteri e tempistiche

Approfondimento di V. Giannotti

società partecipate

La Corte dei conti della Lombardia (deliberazione n.94/2021) fornisce il parere ad un Sindaco in merito all’obbligo del rispetto del termine del 31 dicembre 2021, per la dismissione per alienazione delle quote societarie, precisando le azioni che debbano essere intraprese perché l’obbligo possa considerarsi ottemperato.

Le disposizioni legislative

L’art. 24 del d.lgs. 19 agosto 2016, n. 175 detta la disciplina della “revisione straordinaria delle partecipazioni”, prevedendo che, entro il 30 settembre 2017, ogni amministrazione pubblica deve effettuare la ricognizione di tutte le partecipazioni possedute, individuando fra queste quelle che devono essere alienate. L’alienazione deve essere realizzata entro un anno dalla conclusione della predetta ricognizione, con la conseguenza che, in caso di mancata alienazione entro tale termine, a norma dell’art. 24 co. 5, d. lgs. 175/2016, “il socio pubblico non può esercitare i diritti sociali nei confronti della società e, salvo in ogni caso il potere di alienare la partecipazione, la medesima è liquidata in denaro in base ai criteri stabiliti all’articolo 2437-ter, secondo comma, e seguendo il procedimento di cui all’articolo 2437-quater del codice civile”.

>>>>>>CONTINUA A LEGGERE

Prontuario operativo 2021 per l’ufficio ragioneria degli Enti Locali

Prontuario operativo 2021 per l’ufficio ragioneria degli Enti Locali

Marcello Quecchia, 2021, Maggioli Editore
La ragioneria comunale deve confrontarsi quotidianamente con adempimenti e scadenze che rappresentano una parte assai rilevante del lavoro dell’ufficio e che devono essere ultimati e rispettati insieme agli ordinari procedimenti che l’ufficio deve comunque seguire. Questo prontuario vuole...

85,00 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA