Questo articolo è stato letto 39 volte

Fondo solidarietà negativo, risoluzione dei parlamentari

Con comunicato del 14/10/2016 l’ANCI Toscana rende noto che:

Una nuova iniziativa a favore dei Comuni toscani che si trovano in grave difficoltà per le conseguenze dell’applicazione del Fondo di Solidarietà Comunale. I parlamentari toscani Dario Parrini e Edoardo Fanucci hanno depositato una risoluzione in Commissione Bilancio della Camera, in cui si richiede un impegno del Governo non solo a prevedere un correttivo finanziario per i comuni toscani, ma anche a rivedere complessivamente il meccanismo perequativo. La risoluzione recepisce le osservazioni elaborate in Anci Toscana e condivise con gli amministratori coinvolti nel corso degli recenti incontri sul tema, anche dopo la lettera inviata dal presidente Matteo Biffoni agli stessi parlamentari eletti e ai membri delle commissioni Bilancio e Finanze di Camera e Senato, per informarli della situazione ed invitarli a prendere provvedimenti.

In particolare, la risoluzione impegna “ad assumere iniziative finalizzate ad una revisione del meccanismo di prelievo e, soprattutto, di perequazione del Fondo di Solidarietà comunale che consideri l’effettiva ricchezza e capacità contributiva dell’ente e che non si basi esclusivamente sulla base imponibile IMU” e “a valutare la possibilità, per quanto attiene alle difficoltà dei 29 comuni toscani, di porre una diminuzione del 50% alla parte perequativa negativa al fine di poter redigere i bilanci di previsioni 2017, in attesa che una revisione dei meccanismi del Fondo permetta di poter contribuire alla solidarietà comunale nei limiti della sostenibilità finanziaria del bilancio. In termini assoluti l’ammontare del 50% della parte perequativa sarebbe pari, utilizzando le risultanze del Fondo 2016, a 24,4 milioni di euro”.

LEGGI la RISOLUZIONE

© RIPRODUZIONE RISERVATA