Questo articolo è stato letto 4 volte

Def – ANCI – Soddisfatti per documento approvato dal Senato, ora lavorare su ulteriori criticità

Con comunicato del 24/04/2015 l’ANCI rende noto che:

‘’Registriamo con soddisfazione l’accoglimento, da parte del Senato, della risoluzione relativa al documento di Economia e finanza presentata ieri dalla maggioranza nell’auspicio che si trovi, al contempo, il modo per ovviare ad alcune criticita’ che ricadono sul sistema degli enti locali e che ancora non hanno trovato adeguata soluzione’’.

Lo afferma il presidente dell’ANCI, Piero Fassino, che sottolinea: ‘’In particolare, accogliamo con favore l’impegno che la risoluzione affida al Governo riguardo la salvaguardia, nell’ambito delle previste riduzioni di spesa, della qualita’ dei servizi e dei sistemi di protezione sociale a livello locale, nonche’ l’accoglimento delle istanze piu’ volte espresse dall’ANCI riguardanti la necessita’ di garantire agli enti locali una reale autonomia, continuando il percorso per il superamento del Patto di stabilita’ interno, limitandosi ad indicare gli obiettivi di finanza pubblica e lasciando alla responsabilita’ degli enti le decisioni sulle modalita’ per raggiungerli’’.

‘’Inoltre, nell’ambito dell’impegno a definire un nuovo assetto della finanza locale fondato su semplicita’ e chiarezza – prosegue Fassino – non possiamo che condividere l’obiettivo di giungere entro breve ad una definitiva revisione del sistema di tassazione locale sugli immobili in un’ottica di semplificazione, certezza sulle entrate per i Comuni e revisione delle norme sull’Imu sui terreni agricoli, estendendo le esenzioni alle aree svantaggiate e tenendo conto dell’effettiva redditivita’ dei terreni’’.

‘’Di particolare rilevanza – aggiunge poi il presidente dell’ANCI – l’impegno a realizzare in tempi brevi la revisione delle norme sugli appalti pubblici e a destinare maggiori risorse a favore degli interventi sull’edilizia scolastica, sulla messa in sicurezza dei territori e sul contrasto al dissesto idrogeologico’’.

Restano invece, secondo Fassino, ‘’misure altrettanto indispensabili per il comparto e che al momento non hanno trovato modo di essere tradotte in modo definitivo: siamo certi che gia’ nei prossimi giorni le questioni urgenti poste dall’ANCI troveranno traduzione normativa con un apposito provvedimento’’

© RIPRODUZIONE RISERVATA