Questo articolo è stato letto 4 volte

Criteri per l’inserimento nell’elenco dei revisori dei conti delle Regioni

Nell’ambito delle misure volte alla riduzione dei costi degli apparati istituzionali, il decreto-legge 13 agosto 2011, n. 138, ha introdotto novità significative in tema di controlli interni sugli enti territoriali e, in particolare, ha previsto la costituzione, anche presso le Regioni, di un Collegio dei revisori dei conti.

L’istituzione presso le Regioni del Collegio dei revisori, “quale organo di vigilanza sulla regolarità contabile, finanziaria ed economica della gestione dell’ente” è una misura finalizzata ad assicurare il coordinamento della finanza pubblica, anche realizzando raccordi tra tali organi e le Sezioni regionali di controllo.

La norma, al fine di assicurare l’indipendenza e la qualificazione professionale dei revisori, limita la scelta dei componenti del Collegio all’interno di una rosa di nominativi da estrarre da un elenco, i cui iscritti devono possedere i requisiti previsti dai principi contabili internazionali, avere la qualifica di revisori legali di cui al decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 39, ed essere in possesso di specifica qualificazione professionale in materia di contabilità pubblica e gestione economica e finanziaria anche degli enti territoriali, secondo i criteri individuati dalla Corte dei conti.

La Sezione delle Autonomie ha delineato nella seduta dell’8 febbraio u.s. il quadro delle garanzie inerenti all’organo di controllo, e individuato i requisiti professionali di anzianità ed esperienza dei suoi componenti per il corretto ed efficace assolvimento della funzione di revisione.

L’individuazione dei requisiti di qualificazione professionale richiesti ai fini dell’esercizio del controllo in materia di contabilità pubblica e gestione economica e finanziaria delle Regioni riguardano, oltre che il titolo di studio e l’anzianità di iscrizione all’albo, l’esperienza professionale maturata in particolari settori come revisori dei conti o responsabili dei servizi finanziari e l’acquisizione di crediti formativi nelle materie contabilità pubblica secondo percorsi di formazione e aggiornamento orientati ai settori in cui la Corte dei conti esercita funzioni di controllo.

Delibera Corte dei Conti Sezione delle Autonomie – 20 febbraio 2012,  n. 3/2012/SEZAUT/INPR
Criteri per l’inserimento nell’elenco dei revisori dei conti delle Regioni, ai sensi dell’art. 14, comma 1, lett e) del D.L. n. 138/2011 approvati con delibera depositata il 15 febbraio 2012

© RIPRODUZIONE RISERVATA