Questo articolo è stato letto 42 volte

Coronavirus, le misure del Governo per ridurre l’impatto economico

Protezione-civile

Il 30 gennaio l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) ha dichiarato emergenza di sanità pubblica di interesse internazionale l’epidemia di Coronavirus (COVID-19) in Cina. Per dare attuazione alle misure precauzionali conseguenti alla dichiarazione dell’OMS, il 31 gennaio il Consiglio dei Ministri ha deliberato lo stato d’emergenza, per la durata di sei mesi, per consentire l’emanazione delle necessarie ordinanze di Protezione Civile e lo stanziamento dei fondi necessari.

Per fronteggiare l’evolversi della situazione epidemiologica e le implicazioni negative per l’economia, il ministero dell’Economia e delle Finanze con un primo decreto ministeriale del 24 febbraio è intervenuto sugli adempimenti a carico dei contribuenti residenti nelle zone interessate dal Decreto della Presidenza del Consiglio del 23 febbraio. L’emergenza sanitaria e le seguenti, necessarie, azioni di contenimento adottate dal Governo per arginare la diffusione del virus comportano importanti limitazioni per i residenti di quelle zone. Il decreto ministeriale ha provveduto a fornire un primo sostegno: sono stati sospesi i versamenti delle imposte, delle ritenute e gli adempimenti tributari per i contribuenti e le imprese residenti o che operano negli undici comuni interessati dalle misure di contenimento del contagio da Coronavirus. La sospensione riguarda anche le cartelle di pagamento emesse dagli agenti della riscossione e quelle conseguenti ad accertamenti esecutivi.

Il Governo è intervenuto successivamente, a stretto giro, con ulteriori misure urgenti: il 28 febbraio il Consiglio dei Ministri ha varato il decreto legge per alleviare le specifiche conseguenze della crisi, sia dal lato delle imprese, che sono state sollevate dall’onere di versare imposte, contributi previdenziali, premi assicurativi ed eventualmente stipendi (tramite alla cassa integrazione, anche in deroga), sia dal lato delle famiglie, con la sospensione di tasse e assicurazioni, ma anche di mutui e bollette. L’azione dell’esecutivo non si ferma a questi primi provvedimenti: sono allo studio ulteriori interventi per incrementare la portata delle misure a sostegno del mondo del lavoro e di quello delle imprese, con un ulteriore allargamento degli ammortizzatori sociali e forme selettive di sostegno all’economia.

Ecco i principali provvedimenti assunti sinora dal Governo per ridurre l’impatto sull’economia del Coronavirus.

Sospensioni e adempimenti

Oltre ai provvedimenti adottati con il DM del 24 febbraio, il DL dispone la sospensione di ulteriori adempimenti

  • Vengono modificati e prorogati i termini relativi alla dichiarazione dei redditi precompilata 2020. In particolare:
  • viene anticipata dal 2021 al 2020 la decorrenza delle nuove disposizioni per l’assistenza fiscale e per la precompilata, che il Dl Fiscale 2019 ha differito al 30 settembre rispetto al 23 luglio (per la presentazione del Modello 730 e per la presentazione della dichiarazione ai Caf-dipendenti) e al 7 luglio (per la presentazione al proprio sostituto d’imposta); vengono differiti al 31 marzo 2020 i termini per l’invio da parte dei sostituti di imposta delle certificazioni uniche; viene posticipato al 5 maggio 2020 il termine entro il quale l’Agenzia delle Entrate mette a disposizione dei contribuenti la dichiarazione dei redditi precompilata. Allo stesso tempo, la trasmissione telematica all’Agenzia dei dati relativi a oneri e spese sostenuti dai contribuenti nell’anno precedente, con scadenza al 28 febbraio, viene effettuata entro il 31 marzo 2020. A partire dal 2021 l’Agenzia rende disponibili agli interessati i dati delle certificazioni uniche pervenute. Questi provvedimenti hanno validità su tutto il territorio nazionale.
  • Vengono sospesi fino al 30 aprile 2020 i termini di pagamento delle fatture e degli avvisi di pagamento emessi o da emettere con riferimento alle utenze di energia, acqua, gas e rifiuti. I pagamenti sospesi successivamente potranno essere effettuai tramite rateizzazione. Il provvedimento riguarda i comuni interessati dalle misure urgenti di contenimento del contagio da COVID-19.
  • Viene esteso il fondo di solidarietà per i mutui per l’acquisto della prima casa, aggiungendo una nuova causale a supporto della richiesta di sospensione. Si tratta del Fondo istituito presso il Ministero dell’Economia e delle Finanze, che prevede la possibilità, per i titolari di un mutuo contratto per l’acquisto della prima casa, di beneficiare della sospensione del pagamento delle rate al verificarsi di situazioni di temporanea difficoltà. Il provvedimento ha validità su tutto il territorio nazionale.
  • L’ordinanza della Protezione Civile n. 642 del 29 febbraio 2020 sospende inoltre le rate dei mutui (anche persona fisica non imprenditore) fino alla cessazione dello stato di emergenza, optando tra la sospensione dell’intera rata e quella della sola quota capitale. Il provvedimento riguarda i comuni interessati dalle misure urgenti di contenimento del contagio da COVID-19.
  • Vengono sospesi i termini per il pagamento dei premi per l’assicurazione obbligatoria in scadenza dal 23 febbraio al 30 aprile 2020 e i termini per i versamenti dei premi assicurativi in scadenza tra il 21 febbraio e il 30 aprile 2020.

    Il provvedimento riguarda i comuni interessati dalle misure urgenti di contenimento del contagio da COVID-19.

Lavoro

  • Vengono introdotte procedure semplificate per presentare domanda di concessione del trattamento ordinario di integrazione salariale o di accesso all’assegno ordinario per sospensione o riduzione dell’attività lavorativa. Il provvedimento riguarda i comuni interessati dalle misure urgenti di contenimento del contagio da COVID-19.
  • I datori di lavoro del settore privato, incluso quello agricolo, che non possono beneficiare degli strumenti di sostegno al reddito previsti a legislazione vigente, possono presentare domanda di cassa integrazione salariale in deroga per la durata della sospensione del rapporto di lavoro e comunque per un periodo massimo di tre mesi. Il provvedimento riguarda i comuni interessati dalle misure urgenti di contenimento del contagio da COVID-19.
  • Ai lavoratori autonomi viene riconosciuta un’indennità mensile di 500 euro per tre mesi. Il provvedimento riguarda i comuni interessati dalle misure urgenti di contenimento del contagio da COVID-19.
  • Per i dipendenti della Pubblica Amministrazione vengono messe a disposizione le dotazioni informatiche (computer portatili e tablet) necessarie per consentire lo svolgimento del lavoro agile. Per gli impiegati pubblici è stabilito che il periodo di malattia o quarantena o in permanenza domiciliare fiduciaria, sia equiparato al periodo di ricovero ospedaliero. Questi provvedimenti hanno validità su tutto il territorio nazionale.

Imprese

  • Per assicurare liquidità alle imprese, saranno concessi mutui a tasso zero della durata non superiore a 15 anni per l’estinzione di debiti bancari. Il provvedimento riguarda i comuni interessati dalle misure urgenti di contenimento del contagio da COVID-19.
  • Vengono sospesi i termini per il pagamento dei contributi previdenziali e assistenziali in scadenza dal 23 febbraio al 30 aprile 2020, senza che tale sospensione comporti l’applicazione di sanzioni e interessi, mentre è possibile il ricorso alla rateizzazione.
  • Sono sospesi per 12 mesi i mutui agevolati concessi dall’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa (Invitalia). Sospesi anche i termini di pagamento a carico delle imprese per i versamenti dei premi assicurativi e alle camere di commercio. Questi provvedimenti riguardano i comuni interessati dalle misure urgenti di contenimento del contagio da COVID-19.
  • A sostegno delle imprese esportatrici viene incrementato di 350 milioni di euro per il 2020 il Fondo SIMEST, finalizzato a sostenere programmi di penetrazione commerciale all’estero, mediante la concessione di finanziamenti a tasso agevolato ad imprese. Il provvedimento ha validità su tutto il territorio nazionale.
  • Con il Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese, l’Unione europea e lo Stato Italiano affiancano le imprese e i professionisti che hanno difficoltà ad accedere al credito bancario perché non dispongono di sufficienti garanzie. La garanzia pubblica, in pratica, sostituisce le costose garanzie normalmente richieste per ottenere un finanziamento. Il Dl rifinanzia tale Fondo per 50 milioni per il 2020 prevedendone l’intervento a titolo gratuito nella misura massima consentita, 80% in garanzia diretta e 90% in riassicurazione. Il provvedimento riguarda i comuni interessati dalle misure urgenti di contenimento del contagio da COVID-19.

Turismo

  • Il Decreto legge introduce misure di sostegno per gli operatori del settore turistico-alberghiero e di ristoro per le spese di viaggio già sostenute nell’impossibilità però di prendere parte al viaggio stesso.
  • Nel dettaglio, per gli esercenti attività turistico-alberghiera, le agenzie di viaggio e i tour operator che operano sul territorio nazionale, viene sospeso fino al 30 aprile 2020 il versamento delle ritenute alla fonte operate per i dipendenti, così come dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria. I versamenti sospesi vengono effettuati in un’unica soluzione entro il 31 maggio successivo senza applicazione di sanzioni o interessi. Questi provvedimenti hanno validità su tutto il territorio nazionale.
  • Viene inoltre previsto che il rimborso del viaggio o del pacchetto turistico (ovvero l’emissione di un voucher di pari importo) sia a carico dell’emittente del biglietto o dell’organizzatore del viaggio. Le scuole potranno ottenere il rimborso integrale delle somme già versate per le gite di istruzione, se sospese tra il 23 febbraio e il 15 marzo, e quindi rimborsare le famiglie senza oneri a carico dei loro bilanci. Il provvedimento riguarda i soggetti impossibilitati a completare il viaggio, secondo le modalità previste nel decreto.

Famiglia e scuola

  • Per il 2020 la Carta della Famiglia, che consente di accedere a sconti sull’acquisto di beni e servizi anche attraverso riduzioni tariffarie, viene destinata anche alle famiglie con almeno un figlio a carico che risiedano nella zona emergenziale.
  • Viene assicurata la validità dell’anno scolastico in corso anche per le istituzioni scolastiche che non possono effettuare almeno 200 giorni di lezione, rimanendo chiuse a seguito delle misure di contenimento del virus Covid-19. Il provvedimento ha validità su tutto il territorio nazionale.

Giustizia

Nelle regioni interessate, vengono adottate misure urgenti per la sospensione dei termini e il rinvio delle udienze nei procedimenti civili e penali e della giustizia amministrativa fino al 31 marzo 2020. In particolare, si prevede:

  • il rinvio delle udienze e la sospensione dei termini nei procedimenti civili e penali;
  • l’applicazione della rimessione in termini agevolata, presupponendo che il mancato rispetto dei termini sia legato a causa non imputabile alla parte incorsa in decadenza;
  • l’esistenza di alcune eccezioni alla norma, quando la partecipazione alle udienze sia resa possibile in videoconferenza o con collegamenti a distanza;
  • la necessità che i colloqui dei detenuti con i congiunti siano svolti, quando possibile, a distanza, mediante apparecchiature in dotazione dell’amministrazione penitenziaria o mediante collegamento telefonico, nei limiti previsti dalla legge.
Manuale dell’IVA negli enti delle PA

Manuale dell’IVA negli enti delle PA

Enzo Cuzzola,Francesco Cuzzola, 2019, Maggioli Editore
La corretta tenuta della contabilità, adempimento fondamentale per una gestione finanziaria regolare, non è sempre facile e di immediata applicazione.Le continue novità normative e di prassi, l’intrinseca difficoltà nell’individuare gli ambiti di applicazione e di rilevanza, generano a...

89,00 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA