Questo articolo è stato letto 154 volte

Consiglio di Stato: il parere di “regolarità contabile” è obbligatorio

debito

L’art. 49 del d. lgs. n. 267/2000 impone che ogni deliberazione della Giunta e del Consiglio comunale (non concretante atto di indirizzo) sia corredata – già in sede di elaborazione della proposta – del parere di “regolarità tecnica” ed eventualmente, in caso di incidenza diretta o riflessa su profili economico-finanziari o patrimoniali, del parere di “regolarità contabile” del responsabile del servizio di ragioneria. L’importanza di tale apporto tecnico è fatta palese: a) dal carattere obbligatorio del parere (che “deve essere richiesto”: art. 49, comma 1); b) dalla rilevanza ai fini dei “controlli interni” (cfr. art. 147 bis d. lgs. cit.); c) dalla autonoma responsabilizzazione, sul piano amministrativo e contabile, dei soggetti chiamati a formularli (cfr. art. 49, comma 3); d) dalla loro attitudine condizionante (che impone, ove la Giunta e il Consiglio abbiano inteso discostarsene, un obbligo di qualificata e specifica motivazione: cfr. art. 49, comma 4); e) dalla rilevanza delle situazioni di “conflitto di interessi” (cfr. art. 6 bis l. n. 241/1990), che strutturano il duplice obbligo di preventiva “segnalazione” (in caso di conflitto anche solo “potenziale”) e di “astensione”. E’ viziata la deliberazione assunta dalla Giunta nel caso in cui i dirigenti che hanno espresso i pareri di regolarità tecnica e contabile si trovino in una situazione di conflitto di interessi, anche nel caso in cui la delibera riguardi un atto di macro-organizzazione, di carattere generale e programmatico. In un tale contesto, ai fini della legittimità dell’atto si sarebbe dovuta applicare, in difetto di altre figure di responsabili dei servizi, la regola “residuale” posta dall’art. 49, comma 2 per l’ipotesi di “mancanza” dei responsabili dei servizi (applicabile, per analogia, alla ipotesi di “astensione generalizzata”), con investitura, a fini ausiliari, del Segretario generale dell’Ente.

Scarica il Consiglio di Stato, sez. V, sentenza n. 2450 del 17 aprile 2020

Pacchetto per l\'introduzione della Contabilità Economica

Pacchetto per l\'introduzione della Contabilità Economica

Cinzia Farinelli, Federica Vandi, 2020, Maggioli Editore
Tutti i Comuni con popolazione superiore ai 5.000 abitanti devono adottare la nuova contabilità economico-patrimoniale e quindi redigere il Conto Economico, il Conto del Patrimonio ed il Rendiconto entro il prossimo 31 maggio 2020. Entro i 30 giorni successivi all’approvazione dei documenti...

95,00 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA