Questo articolo è stato letto 11 volte

Conseguenze della mobilità volontaria in uscita sulle capacità assunzionali

di Vincenzo Giannotti

Con un quesito molto semplice un comune chiede di conoscere se qualora un dipendente chieda di esercitare il diritto alla mobilità verso un altro ente, sia possibile sostituire il predetto dipendente, assumendo il secondo presente nella stessa graduatoria del concorso pubblico, in virtù del fatto che la spesa è stata già preventivata ed impegnata e che, quindi, la sostituzione del dipendente in uscita per mobilità volontaria non altererebbe la composizione della spesa del personale.
Su tale semplice argomento è intervenuto un articolato parere della Corte dei Conti, sezione regionale di controllo per la Campania, nella deliberazione n.11 depositata in data 13/02/2014.

Continua a leggere l’articolo

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA