Questo articolo è stato letto 186 volte

Cofinanziamento di opera pubblica. La costituzione del FPV su entrate generiche e la possibile formazione di debiti fuori bilancio

Approfondimento di V. Giannotti

Il cofinanziamento di un opera pubblica realizzata da altro soggetto e la corretta contabilizzazione nel bilancio comunale, a fronte della durata pluriennale dell’apporto economico distribuito dall’ente locale a fronte di entrate generiche e non previamente individuate anno per anno, è stato oggetto di parere da parte della magistratura contabile. I dati forniti dal Comune sono stati i seguenti:

  • Finanziamento annuale dell’opera pubblica realizzata da altro soggetto pari a 90.000 euro annuali;
  • Durata del finanziamento da parte dell’ente locale pari a 10 anni;
  • Entrate non individuate in modo esatto a fronte sia della durata superiore al triennio del bilancio di previsione, sia a fronte dell’aleatorietà delle previsioni degli oneri di urbanizzazione quale entrate a copertura della spesa.

La risposta al quesito particolarmente innovativo è stato dato dalla Corte dei conti, Sezione regionale di controllo per la Lombardia, con la deliberazione 19/12/2016 n.376.

I RIFERIMENTI LEGISLATIVI
Il comune istante pone in effetti due quesiti, il primo riguardante la possibilità di contabilizzare nella spesa ad investimento solo l’importo annuale a fronte della mancata visibilità di accertamenti di entrate in conto capitale per tutto il periodo del cofinanziamento, e l’altro quesito riguarda la mancata correlata entrate in uno qualsiasi degli anni presi a riferimento e se essa costituisca possibile debito fuori bilancio.

Continua a leggere l’articolo

© RIPRODUZIONE RISERVATA