Questo articolo è stato letto 4 volte

Certificazioni di bilancio ex articolo 161 tuoel – invio tramite posta elettronica certificata dei documenti firmati digitalmente dai sottoscrittori

Circolare Ministero dell’interno 19/9/2011, n. 10/2010

Come è noto, è stato previsto con decreto ministeriale del 15 febbraio 2011 che la trasmissione del certificato al bilancio di previsione 2011 avvenga per tutti gli enti tenuti all’adempimento tramite posta elettronica certificata e firma digitale dei soggetti chiamati alla sottoscrizione del documento.

A tutt’oggi, la quasi totalità degli enti ha richiesto le credenziali informatiche per la trasmissione del certificato e si è configurata presso il sistema, in vista di predisporne l’invio alla luce delle istruzioni previste e richiamate da ultimo con comunicato del 14 giugno scorso, che si unisce in copia.

Tuttavia, la trasmissione del certificato effettuata da molti enti – in alcuni casi – non è giunta a buon fine a seguito di errori che ne hanno impedito il caricamento.

In proposito, si fa presente che il buon esito della trasmissione viene conseguito quando l’ente riceve un messaggio di avvenuto caricamento del certificato avente come oggetto il seguente testo “Elaborazione certificato di bilancio ente: ………….. anno: 2011”, in mancanza del quale l’adempimento non è assolto.

In altri termini, le ricevute di accettazione e di consegna della mail non sono sufficienti a dimostrare l’avvenuta corretta trasmissione e,quindi, occorre aver cura di verificare la ricezione anche dell’ulteriore predetto messaggio finale di avvenuto caricamento; infatti, in alternativa al messaggio di avvenuto caricamento, risulta inoltrato un messaggio che segnale un errore, qualora il caricamento non sia avvenuto.

A tal fine, si coglie l’occasione per rappresentare che non pochi casi di inesattezze nell’invio sono connessi al fatto che il testo dell’oggetto della mail non è compilato correttamente per cui si invitano gli enti a verificare che:

– il testo dell’oggetto della mail inizi con la parola “TBEL”;

– la mail contenga sia il file dei dati del certificato firmato digitalmente, ossia il file (cp1101.xml.p7m), che il file info (cp11xxxxxxxxxx10.xml).

Peraltro, questa Direzione centrale ha già inoltrato recentemente una comunicazione via mail a tutti gli enti che non hanno ancora portato a positivo esito la predetta trasmissione.

Da ultimo, si sottolinea l’importanza di dare attuazione all’adempimento nella nuova modalità telematica ai fini di acquisire con tempestività i dati contabili degli enti locali, oltre a dare compiuta applicazione alle disposizioni di cui all’articolo 27 del decreto legge n. 112 del 2008, convertito con modificazioni dalla legge n. 133 del 2008 concernenti la riduzione dell’utilizzo della carta.

Senza considerare poi che, al mancato adempimento, si connette la sanzione prevista dal comma 3 dell’articolo 161 del testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali, alla luce di quanto statuito anche dell’articolo 20, comma 16 del decreto legge n. 98 del 2011.

*******

Si prega di divulgare a comuni, province, comunità montane e unioni di comuni della rispettiva provincia il contenuto di tale comunicazione che viene reso visualizzabile, altresì, sulle pagine del sito internet di questa Direzione centrale.

Per maggiori chiarimenti di dettaglio sulle procedure finalizzate alla trasmissione della certificazione di bilancio, gli enti locali potranno contattare i seguenti referenti: Dr. Giancarlo Culini (tel. 06 465 25268, giancarlo.culini@interno.it), il Sig. Valter Pigna (tel. 06 465 48099, valter.pigna@interno.it) e il Sig. Arnaldo Ciuffetti (tel. 06 465 48155, arnaldo.ciuffetti@interno.it).

© RIPRODUZIONE RISERVATA