Questo articolo è stato letto 972 volte

BDAP, Banca Dati delle Amministrazioni Pubbliche: semplificazione comunicazioni contabili

L’IFEL rende noto che il decreto del Ministero dell’economia e delle finanze del 12 maggio 2016 definisce le modalità di trasmissione dei bilanci e dei dati contabili delle Regioni, delle Province autonomie di Trento e di Bolzano, degli enti locali e dei loro enti ed organismi strumentali, alla banca dati delle Amministrazioni pubbliche (BDAP) di cui all’articolo 13 della legge n. 196 del 2009.

L’avvio della Banca dati delle Amministrazioni pubbliche (BDAP) costituisce un indubbio passo in avanti nel processo di semplificazione degli oneri informativi gravanti sugli uffici comunali.

La BDAP deve quindi costituire l’unico canale di rilevazione delle informazioni e dei dati contabili degli enti territoriali.
Già oggi con la BDAP vengono assorbiti gli obblighi di invio di comunicazioni aventi contenuto analogo alla Corte dei Conti.

L’Anci ha chiesto inoltre l’immediata abolizione dell’obbligo di invio dei certificati di conto consuntivo e dei bilanci di previsione al Ministero dell’Interno, fin dalle scadenze relative al consuntivo 2016.

Il primo adempimento relativo alla BDAP riguarda l’invio del bilancio di previsione 2016, da trasmettere entro 30 giorni decorrenti dal 1° dicembre 2016. La mancata trasmissione è sanzionata con il divieto di assunzione di personale a qualsiasi titolo, con qualsiasi tipologia contrattuale. Le prime applicazioni della sanzione riguardano il bilancio di previsione 2017-2019 e il rendiconto 2016.

Le modalità tecniche di trasmissione dei dati alla BDAP, definite d’intesa con la Corte dei conti, sono consultabili nel sito internet della Ragioneria Generale dello Stato – Portale BDAP

È inoltre possibile consultare il Manuale della registrazione riguardante le modalità di accreditamento degli enti soggetti al decreto legislativo n. 118 del 2011 al sistema Bilanci Armonizzati. La procedura per la registrazione al sistema BDAP Bilanci Armonizzati è disponibile a partire dal corrente mese di novembre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA