Questo articolo è stato letto 4 volte

Avvertimento dell’ANCI al Parlamento sulle modifiche alla Legge di stabilità 2014.

Con comunicato del 17/12/2013 l’ANCI interviene sulle modifiche alla Legge di stabilità 2014 che penalizzerebbero i comuni ed in particolare viene evidenziato quanto segue:

“Se non cambia nulla, rispetto a quanto si sta prevedendo sulla Service tax nella Legge di Stabilità attualmente in discussione alla Commissione  Bilancio della Camera, ai Comuni verrà a mancare, rispetto al gettito Imu, un miliardo e mezzo di Euro”. Lo afferma Wladimiro Boccali, Sindaco di Perugia e componente l’ufficio di Presidenza ANCI, secondo il quale “i cittadini saranno chiamati ad un maggiore esborso per quanto riguarda la tassazione sulla casa, e non sarà possibile, o comunque sarà molto difficile, applicare detrazioni, o esenzioni alle categorie più deboli. In sostanza, si impedirà di fatto ai Comuni di praticare una equa gestione del l’imposizione fiscale, che è esattamente il contrario di quanto i Comuni hanno sempre chiesto. Finora invano”.

“Se non si cambia orientamento, si passerà dalla aliquota standard del 4 per mille dell’ Imu al 2,5 (aliquota massima) della service tax sull ‘abitazione principale. E’ chiaro – conclude Boccali –  che i conti non tornano e che ai Comuni si aprono difficoltà enormi di bilancio. Il Governo e il Parlamento trovino la copertura necessaria”

© RIPRODUZIONE RISERVATA