Questo articolo è stato letto 3 volte

5 per mille, online gli elenchi 2014. Ci si può iscrivere anche in ritardo

Con comunicato del 26/05/2014 la rivista telematica dell’Agenzia delle Entrate (Fisco Oggi) rende noto che:

Sul sito dell’Agenzia delle Entrate sono pubblicati gli elenchi definitivi 2014 relativi agli enti del volontariato e alle associazioni sportive dilettantistiche che hanno chiesto di accedere al beneficio del 5 per mille per il 2014.

Le liste – online da oggi – sono aggiornate e integrate, rispetto a quelle già pubblicate lo scorso 14 maggio, con le correzioni degli errori anagrafici segnalati dagli interessati alle direzioni regionali dell’Agenzia territorialmente competenti. Mentre gli elenchi degli enti della ricerca scientifica e dell’università e quelli della ricerca sanitaria non hanno subito modifiche.

 Entro il 30 giugno, le “dichiarazioni sostitutive”

Ora ai legali rappresentanti degli enti del volontariato compresi nelle liste non resta che presentare, entro il 30 giugno, la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà che attesti il possesso dei requisiti di ammissione all’elenco.

Il modello deve essere conforme a quello pubblicato sul sito e va inviato alla direzione regionale delle Entrate competente per territorio, con allegata copia del documento di riconoscimento del legale rappresentante che sottoscrive la dichiarazione.

 Stessi tempi e stesse regole per le associazioni sportive dilettantistiche. Questi rappresentanti legali, però, dovranno presentare la documentazione richiesta alla struttura del Coni competente per territorio, anziché del Fisco.

 C’è ancora tempo per i ritardatari

Per gli enti della ricerca scientifica e dell’università e quelli della ricerca sanitaria che non hanno fatto in tempo a iscriversi, entro il 7 maggio i primi ed entro il 30 aprile i secondi, c’è un “tempo supplementare” per presentare la domanda d’iscrizione e la documentazione integrativa entro il prossimo 30 settembre, versando tramite F24 una piccola multa di 258 euro, utilizzando l’apposito codice tributo “8115”.

Ovviamente, i requisiti devono essere posseduti con riferimento alle date di scadenza già passate (7 maggio e 30 aprile).

© RIPRODUZIONE RISERVATA