Questo articolo è stato letto 38 volte

Bilancio semplificato dello Stato

Il documento espone i dati delle previsioni del bilancio 2010, del suo assestamento e del disegno di legge di bilancio a legislazione vigente per il 2011.

Il documento si compone di tre parti: la prima contiene i risultati differenziali; la seconda una analisi delle entrate e la terza parte un aggregato analitico della spesa. I dati sono tutti al netto delle regolazioni contabili. Per le entrate analogamente alla struttura del bilancio prevista dalla vigente normativa contabile, la prospettazione opera, nell’ambito di ciascun titolo d’entrata, la ripartizione tra entrate correnti ed entrate in conto capitale, tipica della contabilità nazionale, al fine di porre in evidenza il carattere di continuità ovvero di straordinarietà o di occasionalità che connota i cespiti di entrata in relazione alla loro acquisizione al bilancio dello Stato. Per la spesa il Documento in questione espone le partite per voci economiche in un ampio aggregato analitico comprendente voci relative ai principali interventi di spesa. Le voci che compongono la versione “analitica” corrispondono ai principali aggregati economici previsti dalla classificazione economica. All’interno delle voci economiche principali è stata ipotizzata una ripartizione per finalità di spesa.

  • Il testo del Bilancio semplificato dello Stato
  • Le tavole del Bilancio semplificato dello Stato in formato elaborabile

    Fonte: Ragioneria Generale dello Stato