Questo articolo è stato letto 1 volte

Nuove modalità di riscossione del contributo annuale dovuto, per l’attività di contrattazione ed assistenza, da Comuni, Province, Unioni di comuni e Comunità montane

L’Aran, con comunicato del 16/09/2014 rende noto che, a seguito dell’emanazione del Dm del 27 novembre 2013, pubblicato sulla GU n.19 del 24 gennaio 2014, che definisce le nuove modalità di riscossione del contributo annuale dovuto all’Aran per l’attività di contrattazione ed assistenza, ex art. 46 del D.Lgs. n.165/2001, dai Comuni, le Province, le Unioni di comuni e le Comunità montane, era stata evidenziata la necessità di costituire un apposito tavolo tecnico finalizzato a semplificare gli adempimenti degli enti interessati e a ridurre i costi gestionali.

I lavori del predetto tavolo tecnico si sono conclusi con il completamento della procedura di trasferimento dei fondi all’Aran da parte del Ministero dell’Interno.

Pertanto, per i soli Enti che non hanno ricevuto trasferimenti dal Ministero dell’Interno (Comunità montane, Unioni di comuni e alcune Province) il contributo sarà richiesto direttamente dall’Aran ai singoli Enti.

Si allega l’elenco degli Enti tenuti al pagamento diretto all’Aran ed ai quali perverrà apposita comunicazione tramite Posteitaliane con allegato il bollettino Mav precompilato con indicazione dell’importo dovuto.

Si segnala che, eventuali chiarimenti in ordine alla quantificazione dell’importo del contributo dovuto dovranno essere richiesti esclusivamente a questa Agenzia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA