Questo articolo è stato letto 4 volte

Comunicato relativo al certificato al rendiconto di bilancio 2011 (aggiornato al 6 settembre 2012)

Comunicato Ministero dell’Interno 18 luglio 2012 (aggiornamento al 6 settembre 2012)

Si conferma che nella colonna b) del quadro contabile n. 12/A – previsto per comuni e unioni ci comuni, province e comunità montane – andrà indicato il totale dei residui, ivi compresi quelli provenienti della gestione dell’esercizio di competenza; in proposito, pur se il totale di tali residui si può desumere dalla colonna f) del precedente quadro contabile n. 12, ciò che rileva è l’esigenza di acquisire il dato circa la fonte di finanziamento. Pertanto, la denominazione del quadro n 12/A va letta come “Dettaglio fonte di finanziamento dei residui passivi in conto capitale”.

Circa la compilazione del predetto quadro contabile, a chiarimento di alcuni quesiti pervenuti, si rappresenta che:

– per erogazioni di cassa ricevute, si fa riferimento alle erogazioni di cassa ricevute a fronte della fonte di finanziamento e non ancora pagate; in altri termini, si chiede di indicare quale importo del valore totale del residuo passivo trova già una riscossione della correlativa entrata;

per erogazioni di cassa non ancora ricevute, si fa riferimento alle erogazioni di cassa non ancora ricevute a fronte della fonte di finanziamento, tale importo coincide con il residuo attivo da riportare all’esercizio 2012 del correlativo accertamento in entrata; in altri termini, si chiede di indicare quale importo del valore totale del residuo passivo non ha ancora dato luogo a riscossione.

Ne consegue che il totale delle due erogazioni citate corrisponde al valore del residuo passivo, che è la risultanza del valore della spesa al netto dei pagamenti già effettuati con le erogazioni di cassa ricevute sulla corrispondente entrata che finanza la spesa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA