Questo articolo è stato letto 25 volte

Rimborso oneri stabilizzazione del personale ex E.T.I. Acconto contributo anno 2018

finanza pubblica

Con comunicato del 19 aprile 2018 il Ministero dell’Interno rende noto che è stato disposto il pagamento in acconto, nella misura del 70%, del contributo assegnato nell’anno 2018 a favore delle province, delle città metropolitane, dei comuni, per il rimborso degli oneri relativi alla stabilizzazione, presso gli enti medesimi, del personale ex E.T.I. (Ente Tabacchi Italiani), ai sensi dell’articolo 9, comma 25, del decreto legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito in legge 30 luglio 2010, n. 122.

Rimborso oneri stabilizzazione personale ex E.T.I.

Il pagamento in questione è stato sospeso, in applicazione delle disposizioni di cui all’articolo 161, comma 3, del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, nei confronti degli enti che non hanno trasmesso le apposite certificazioni sui principali dati del bilancio di previsione e del rendiconto della gestione.

Il Ministero ricorda che rappresenta uno specifico obbligo degli enti comunicare al Ministero dell’interno le intervenute interruzioni del rapporto di lavoro del personale ex E.T.I.. A tal riguardo si rammenta che sul sito Internet del Ministero, in Area Certificati (TBEL, altri certificati), selezionando la voce “Accedi al Sistema di trasmissione delle certificazioni”, è possibile, dopo aver inserito le credenziali di accesso, già in possesso di ciascun ente, entrare nella sezione Consultazione area trasferimenti erariali – Personale in mobilità ove sono visualizzabili i nominativi di tutto il personale transitato presso ciascun ente, proveniente dall’ex Ente Tabacchi Italiani, che risulta essere attualmente in servizio.

Il rimborso

Si segnala, inoltre, che le somme relative al rimborso in esame sono state erogate sulla base dei dati comunicati dal Ministero dell’economia e delle finanze – Dipartimento dell’Amministrazione Generale del Personale e dei Servizi – Direzione Centrale per i Servizi al Personale, al quale andranno inoltrate richieste di variazione degli importi assegnati, nonché eventuali chiarimenti che non riguardino l’aspetto finanziario. Da ultimo si segnala che il saldo del restante 30% verrà disposto entro il mese di ottobre 2018.

© RIPRODUZIONE RISERVATA