Questo articolo è stato letto 38 volte

CDP termini per rimborso e riduzione

spese

Con comunicato del 14 maggio 2018 la Cassa Depositi e Prestiti informa che gli Enti territoriali (Regioni, Province, Città metropolitane e Comuni) possono accedere al rimborso anticipato o alla riduzione dei prestiti in essere, presentando la relativa domanda, che dovrà pervenire entro il 1° giugno 2018.

In particolare è possibile richiedere:

1. IL RIMBORSO ANTICIPATO (TOTALE O PARZIALE)

Le richieste di rimborso di prestiti in essere al 30 giugno 2018 dovranno essere accompagnate dalla deliberazione di Consiglio che autorizza l’operazione di rimborso anticipato, esecutiva ai sensi di legge.

Sarà possibile richiedere il rimborso anticipato parziale dei prestiti ordinari in ammortamento e a totale carico dell’ente beneficiario che, alla data del 1° giugno 2018, risultino integralmente erogati. La delibera di Consiglio dovrà contenere, per ciascuna posizione di mutuo, l’esatto importo della quota di debito residuo da estinguere.

Fermo restando il pagamento della rata in scadenza alla data del 30 giugno 2018 con le consuete modalità, unitamente agli altri finanziamenti in essere, CDP invierà agli Enti che hanno presentato domanda – completa della documentazione – una comunicazione con l’indicazione delle modalità per effettuare il rimborso anticipato e degli importi dovuti.

2. LA RIDUZIONE DEI PRESTITI

Per la rideterminazione dei piani di ammortamento dell’importo nominale dei prestiti, le domande di riduzione avranno effetto dal 1° luglio 2018. Le domande di riduzione pervenute dopo la scadenza del 1° giugno 2018, saranno istruite da Cassa depositi e prestiti con effetto dal 1° gennaio 2019. Si ricorda che per gli Enti locali è possibile procedere, tramite il Portale dei Finanziamenti, alla creazione, compilazione e trasmissione via web della richiesta di riduzione dei finanziamenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA