Questo articolo è stato letto 1 volte

Segretari: assoggettabilita’ o meno dei diritti di rogito al taglio del 5% o del 10% previsto dalla manovra estiva 2010

La sezione della Corte dei conti Veneto (deliberazione n. 250/2011) sostiene, riguardo all’assoggettabilità al taglio del 5 o del 10% dei diritti di rogito, che non sono da ricomprendere nel regime vincolistico recato dall’ art.9, comma 2, della legge 122/2010 che concerne invece il solo trattamento economico afferente al personale previsto dalle relative norme di legge.

Mentre relativamente all’assoggettabilità o meno al taglio dei compensi ai segretari comunali per attività “a scavalco”i giudici contabili affermano che non sembra potersi dubitare che il compenso di cui trattasi, al di là del nomen juris, sia da comprendere tra le spese di personale da parte del comune presso cui viene operato lo scavalco e, quindi, da assoggettare al taglio del 5 o del 10% di cui all’art. 9, comma 2, della legge 122/2010.