Questo articolo è stato letto 2 volte

Decreto debiti PA, la Camera approva. Sì a 40 mld di pagamenti. Il testo

La Camera dei deputati ha approvato il decreto che sblocca 40 miliardi di pagamenti per saldare i debiti della pubblica amministrazione, provvedimento numero 25/2013, arrivato a Montecitorio proprio questa mattina. Si è trattato di una decisione pressoché unanime: i votanti a favore delle “Disposizioni urgenti per il pagamento dei debiti scaduti della pubblica amministrazione,  per il riequilibrio finanziario degli enti  territoriali, nonché in materia di versamento di tributi degli enti locali” sono stati 450, nessun contrario e 107 astenuti. Hanno detto sì anche e Sinistra, Ecologia e Libertà, nonostante si trovi attualmente all’opposizione. Astenuto invece il Movimento 5 Stelle intanto, emergono le prime cifre sui soggetti interessati dal provvedimento: sono 17mila le amministrazioni segnate nella banca dati e già oggi verrà firmato il primo decreto di riparto.

Si tratta, insomma, di un’approvazione flash per una legge molto attesa da tutti gli operatori, a fronte di un debito stimato da Bankitalia in 90 miliardi di euro e dunque, di poco inferiore al fabbisogno degli enti pubblici insolventi verso fornitori e prestatori di servizi o prestazioni.

Il decreto, ultima legge approvata dal governo Monti in Consiglio dei ministri, ha subito qualche rallentamento, prima, per le elezioni del presidente della Repubblica e, poi, per la costituzione e l’insediamento del nuovo governo. Se a ciò si aggiunge che il Parlamento si trovava in una situazione di paralisi quasi completa, dove gli unici organi in funzione erano le Commissioni speciali avviate specificamente per risolvere il nodo dei debiti della PA e sveltire l’iter pro esodati, allora il tempo di discussione intermedio è rimasto tutto sommato nei limiti del ragionevole.

Numerosi, come noto, gli emendamenti presentati, tra cui, in primis, quelli che fissano a 30 giorni i termini del pagamento a partire dal momento in cui verranno erogate le risorse del Ministero. Da notare che eventuali pratiche aperte con Equitalia non esentano i creditori dalla riscossione del dovuto.

Altro aspetto chiesto a gran voce dalle imprese è quello del Durc retrodatato, che potrà essere rilasciato a partire dal momento in cui viene certificata la legittimità al versamento e non quando questo viene versato di fatto. La cosiddetta “fase due” dello sblocco dei pagamenti partirà dal 15 settembre, con il termine del censimento degli enti che presentano ancora pratiche insolute.

 

Vai al testo approvato alla Camera del decreto sui debiti della pubblica amministrazione

Vai alla spiegazione degli emendamenti su versamenti e compensazioni

Fonte: Leggioggi.it