Questo articolo è stato letto 486 volte

Variazioni di bilancio ed impatto sul bilancio di previsione in corso di approvazione

Commento di V. Giannotti

Sussiste un problema di correlazione tra variazioni di bilancio che posso essere disposte sino al 31/12 ed il bilancio in corso di approvazione e/o approvato. I tempi previsti a regime per l’approvazione del bilancio di previsione (attualmente il disegno di legge di bilancio 2017 ne ha spostato l’approvazione al 28/02/2017), prevedono la predisposizione e la consegna della proposta dello schema di bilancio approvato dalla Giunta Comunale entro il 15/11, attivando l’iter per l’approvazione definitiva del bilancio di previsione che potrebbe avvenire ad esempio entro metà del mese di dicembre. Pur avendo approvato a tale data il bilancio di previsione, è possibile che vi possano essere movimenti di variazione fino alla data del 31/12, ossia successivamente al bilancio approvato, ciò che potrebbe comportare modificazioni ai saldi del bilancio che contengono valori diversi tra quelli a fine anno con  quelli ad inizio anno. Si pensi ad esempio alla variazione dei cronoprogrammi della spesa o avvio delle gare di lavori pubblici, con conseguente modifica dei dati del Fondo Pluriennale Vincolato con conseguente valore di entrata del primo giorno del bilancio di previsione differente rispetto a quello relativo al 31/12, rendendo di fatto indisponibili le risorse finanziarie nell’anno successivo. Le disposizioni legislative prevedono proprio per tali casi che le variazioni disposte sul FPV abbiano carattere squisitamente gestionale, non oggetto di valutazione da parte dell’Organo esecutivo o del Consiglio comunale.
Sulla base di tali possibili interferenze l’ANCI, partendo da un esempio concreto, ha posto la questione alla Commissione ARCONET.

IL CASO PRESENTATO DALL’ANCI
Evidenzia l’ANCI come si possano realizzare molteplici variazioni nell’ultimo periodo dell’anno con possibili interferenze con l’eventuale bilancio di previsione predisposto e/o approvato, con i seguenti casi possibili:

  • Variazioni avvenute tra la data di approvazione dello schema di bilancio da parte della Giunta e la data di approvazione del bilancio da parte del Consiglio Comunale, ad esempio tra il 30/11/2016 e il 20/12/2016;
  • Variazioni avvenute tra la data di approvazione del bilancio da parte del Consiglio Comunale e l’apertura dell’esercizio, ad esempio tra il 20/12/2016 e il 31/12/2016.

Continua a leggere l’articolo

 

Ti consigliamo il volume:

variazioni_bilancio_enti_locali

Le variazioni di bilancio degli enti locali

di Marcello Quecchia

Il volume approfondisce tutti gli aspetti delle variazioni al bilancio, sia agli stanziamenti di competenza che alle dotazioni di cassa, e al piano esecutivo di gestione (PEG) e aiuta a comprendere il tipo di variazione da adottare, anche in esercizio provvisorio, dell’organo competente, del termine di adozione e dell’eventuale necessità di ottenere il parere dell’organo di revisione.

SCOPRI DI PIU'

© RIPRODUZIONE RISERVATA