Spese del personale

Ricerca



apr 18 2016

Una dipendente dell’ente nel 2015 ha ricoperto la posizione di dirigente a tempo determinato, ai sensi dell’art.19, comma 6, del D.Lgs.n.165/2001, fino all’11.7.2015. da tale ultima data è ritornata nella precedente propria posizione lavorativa di funzionario inquadrato nella categoria D, posizione economica D4. Come avrebbe dovuto essere determinato l’importo della tredicesima mensilità spettante alla lavoratrice per l’anno 2015?

apr 13 2016

In caso di superamento dei vincoli finanziari del salario accessorio, le disposizioni introdotte dal d.l. n. 16/2014 (c.d. Salva Roma), offrono a certe condizioni la possibilità ai comuni di recuperare sia le somme che avessero superati i limiti finanziari (art.4 comma 1) sia in caso di illegittima erogazione delle somme (art.4 comma 3), piuttosto che in capo ai dipendenti che quelle somma hanno ricevuto

apr 12 2016

Un dirigente, sospeso dal servizio per un triennio, a seguito di procedimento penale, è stato successivamente reintegrato in servizio a seguito di proscioglimento. In sede di ricostruzione del trattamento economico da riconoscere al suddetto dirigente a seguito della reintegrazione, oltre che dello stipendio e della retribuzione di posizione nella medesima misura in godimento al momento della sospensione, si deve prendere in considerazione anche la retribuzione di risultato?

apr 7 2016

Il problema che si pone riguardo alla riduzione delle capacità assunzioni disposte dalla legge di stabilità 2016, la quale ha ridotto le precedenti percentuali previste dal d.l. n. 90/2014, è se tale riduzione dovesse essere intesa come liberamente utilizzabile, ovvero se anche tale percentuale dovesse essere dedicata alla ricollocazione del personale di area vasta così come stabilito dalla legge di stabilità 2015 al comma 424 dell’articolo 1