Legge stabilita 2016

Ricerca



mag 5 2016

“Ribadiamo il nostro giudizio positivo sulla legge di Stabilità 2016 che per la prima volta, dopo molti anni, non comporta tagli a Comuni, e Città metropolitane. Ma visto che nessuna legge di stabilità esaurisce tutte le questioni che investono la vita dei Comuni ci aspettiamo che quanto irrisolto trovi una soluzione nel decreto enti locali che su cui ci stiamo confrontando con il governo”

apr 28 2016

In merito agli acquisiti obbligatori il d.l. n. 95/2012 aveva esteso a tutte le Pubbliche Amministrazioni l’obbligo di ricorso alle convenzioni Consip per alcune tipologie merceologiche di beni, tra cui i carburanti, disponendo, altresì, che i contratti stipulati in violazione di tali previsioni sono nulli e costituiscono illecito disciplinare e contabile, ai quali corrisponde quindi un’ipotesi tipica di responsabilità amministrativa

apr 7 2016

Il problema che si pone riguardo alla riduzione delle capacità assunzioni disposte dalla legge di stabilità 2016, la quale ha ridotto le precedenti percentuali previste dal d.l. n. 90/2014, è se tale riduzione dovesse essere intesa come liberamente utilizzabile, ovvero se anche tale percentuale dovesse essere dedicata alla ricollocazione del personale di area vasta così come stabilito dalla legge di stabilità 2015 al comma 424 dell’articolo 1

mar 9 2016

Fra le numerose novità contabili che, come al solito, trovano posto nella legge di stabilità, quest’anno spicca senza dubbio quella che prevede dal 2016 il superamento del Patto di stabilità interno con il pareggio di bilancio. Il nuovo meccanismo presenta indubbi vantaggi rispetto a quello precedente. Esso, tuttavia, oltre agli inevitabili problemi che accompagnano qualsiasi cambiamento, presenta anche alcune rilevanti criticità legate all’incompletezza del quadro normativo e soprattutto all’incertezza sull’impatto degli ulteriori vincoli previsti dalla l. 243/2012. Da considerare anche l’assoggettamento dei comuni fino a 1.000 abitanti, finora sempre esclusi dal Patto