Questo articolo è stato letto 0 volte

Rendiconto 2010 – Le indicazioni della corte dei conti per il riaccertamento dei residui

In una nuova delibera depositata l’altro ieri dalla Sezione regionale di controllo per la Toscana, arrivano istruzioni e suggerimenti particolarmente di attualità in vista del rendiconto 2010.

I giudici contabili affermano che in tema di residui:

– appare fondamentale introdurre regole sui tempi di smaltimento dei residui;

– occorre disciplinare la responsabilità nella gestione dei residui da parte dei responsabili dei servizi anche in termini di valutazione delle performance ai fini dell’attribuzione degli incentivi di produttività;

– è necessario introdurre la valutazione dei movimenti di cassa come informazione contabile rilevante ai fini programmatori, gestionali e rendicontativi;

– la differenza tra valutazioni di competenza, quali impegni e accertamenti, e le movimentazioni di cassa deve essere governata con opportune regole gestionali che riducano il “gap” oggi esistente.

La programmazione delle spese di investimento e delle relative fonti di finanziamento deve rispettare regole tarate sui tempi di acquisizione delle risorse e dell’impiego delle stesse, utilizzando allo scopo il bilancio pluriennale autorizzatorio ed eliminando gradualmente il fenomeno dei residui impropri o di stanziamento.