Questo articolo è stato letto 1 volte

Patto di stabilità interno 2010

Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze concernente il monitoraggio e la certificazione del Patto di stabilità interno 2010 per le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano e i prospetti di rilevazione (in attesa di pubblicazione sulla G.U.)

In attesa della pubblicazione in G.U., si ritiene utile diffondere il testo del Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze del 21 luglio 2010, concernente il monitoraggio e la certificazione del Patto di stabilità interno 2010 per le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano (art.77-ter, comma 12, del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133).

Dal 28 luglio 2010 sarà disponibile l’applicazione web per la trasmissione delle informazioni.

I prospetti per il monitoraggio devono essere trasmessi – utilizzando il sistema web appositamente previsto per il Patto di stabilità interno nel sito www.pattostabilita.rgs.tesoro.it – entro trenta giorni dalla fine del periodo di riferimento. Il primo invio di informazioni è previsto entro un mese dalla pubblicazione sulla G.U. del decreto.

La certificazione deve essere inviata entro il 31 marzo dell’anno successivo a quello di riferimento.

La mancata trasmissione della certificazione entro il termine perentorio del 31 marzo costituisce inadempimento al Patto di stabilità interno ai sensi dell’art. 77-ter, comma 13, secondo periodo, del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133.

Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze concernente il monitoraggio semestrale del Patto di stabilità interno per l’anno 2010 per le Province e i Comuni con popolazione superiore a 5.000 abitanti e i prospetti di rilevazione (in corso di pubblicazione sulla G.U.)

In attesa della pubblicazione in G.U., si ritiene utile diffondere il testo del Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze del 14 luglio 2010, concernente il monitoraggio semestrale per l’anno 2010 del Patto di stabilità interno per le Province e i Comuni con popolazione superiore a 5.000 abitanti e i prospetti di rilevazione (art.77-bis, comma 14 del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, come modificato dalla legge 22 dicembre 2008, n. 203).

I prospetti devono essere trasmessi, utilizzando il sistema web appositamente previsto per il patto di stabilità interno nel sito www.pattostabilita.rgs.tesoro.it, a far data dal 30 luglio 2010.

Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze concernente gli Obiettivi programmatici del Patto di stabilità interno per il triennio 2010-2012 per le Province e i Comuni con popolazione superiore a 5.000 abitanti e i prospetti di rilevazione (in attesa di pubblicazione sulla G.U.)

In attesa della pubblicazione in G.U., si ritiene utile diffondere il testo del Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze del 14 luglio 2010, concernente la determinazione degli obiettivi programmatici del patto di stabilità interno del triennio 2010-2012 per le Province e i Comuni con popolazione superiore a 5.000 abitanti, (art.77-bis, comma 14, secondo periodo, del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, come modificato dalla legge 22 dicembre 2008, n. 203).

I nuovi prospetti per la determinazione degli obiettivi programmatici, disponibili sul sistema web appositamente previsto per il Patto di stabilità interno nel sito www.pattostabilita.rgs.tesoro.it, devono essere trasmessi entro trenta giorni dalla data di pubblicazione del presente decreto nella Gazzetta Ufficiale.

Le Province e i Comuni con popolazione superiore a 5.000 abitanti che non provvedono ad inviare il prospetto dimostrativo degli obiettivi programmatici nei modi e nei tempi precedentemente indicati sono considerati, ai sensi del citato art. 77-bis, comma 14, terzo periodo, inadempienti al patto di stabilità.

Fonte: Ragioneria Generale dello Stato