Questo articolo è stato letto 344 volte

Le conseguenze in caso di mancato accantonamento al FCDE nel conto consuntivo

Approfondimento di V. Giannotti

fondo_crediti_dubbia_esigibilita

I giudici contabili, a seguito della verifica dei dati del conto consuntivo di un ente locale, riscontrano il mancato accantonamento nel risultato del conto consuntivo 2015 dell’importo relativo al Fondo crediti di dubbia esigibilità, fornendo indicazioni precise all’ente locale sul corretto calcolo da effettuare e della irregolarità contabile riscontrata. A fronte dei rilievi dei magistrati contabili, il Comune si difende precisando come la maggior parte dei residui attivi oggetto di accantonamento alla data della deliberazione di riaccertamento ordinario risultavano già incassati per la maggior parte, di qui l’inutilità del citato accantonamento.

I principi contabili

Secondo il Collegio contabile il ragionamento effettuato dal comune è in violazione dei principi contabili contenuti nell’Allegato 4.2 del d. lgs. n. 118 del 2011 e ss. mm.ii. Tale principio fissa le modalità di determinazione del fondo crediti di dubbia esigibilità, richiedendo uno stanziamento (nel bilancio di previsione) o un accantonamento (nel rendiconto) minimo obbligatorio calcolato sull’andamento delle riscossioni negli esercizi pregressi.

Continua a leggere l’articolo

 

Novità editoriale:
Guida operativa per la redazione del bilancio consolidato degli enti locali

Guida operativa per la redazione del bilancio consolidato degli enti locali

Civetta Elisabetta, 2017, Maggioli Editore
L’armonizzazione contabile, tra le tante novità, ha introdotto l’obbligo per gli enti locali della redazione del bilancio consolidato al fine di rappresentare in modo veritiero e corretto la situazione finanziaria e patrimoniale e il risultato economico della complessiva attività svolta...

48,00 € Acquista

su www.maggiolieditore.it