Questo articolo è stato letto 5 volte

La mancata tempestività dell’azione disciplinare è causa di danno erariale

di Vincenzo Giannotti

La giurisprudenza contabile interviene sulla questione riguardante la nullità dell’azione disciplinare irrogata ad un dipendente comunale da parte del Giudice del Lavoro, a causa dell’intempestiva attivazione della procedura disciplinare che ha visto condannata l’amministrazione a risarcire al dipendente il danno patrimoniale, morale e all’immagine. Su tale questione si è espressa la Corte dei Conti sezione giurisdizionale per la regione Lombardia con sentenza n.165 pubblicata in data 11/06/2013.

Continua a leggere l’articolo