Questo articolo è stato letto 419 volte

La mancata giustificazione della cancellazione dei residui attivi e il potenziale danno erariale

Approfondimento di V. Giannotti

residui attivi e passivi

A seguito del controllo dei conti di un comune esaminato sono stati rilevati una serie di irregolarità contabili con obbligo e diffida alla loro eliminazione anche al fine dei provvedimenti idonei al ripristino degli equilibri di bilancio. In modo particolare le irregolarità riscontrate sono state le seguenti:
a) l’errato utilizzo di entrate non ricorrenti per la copertura di spese correnti;
b) il mancato inserimento dell’accantonamento al fondo passività potenziali;
c) recupero dell’evasione tributaria oltre all’iscrizione a ruolo dei tributi evasi;
d) la mancata specificazione dei motivi a supporto della cancellazione dei singoli residui attivi.

Le azioni e giustificazioni del Comune

Entro i termini ordinati dai magistrati contabili, l’amministrazione ha risposto ai rilievi formulati proponendo le seguenti azioni necessarie a rimuovere le irregolarità riscontrate:

  • Al fine di evitare un non corretto utilizzo di entrate non ricorrenti per il finanziamento di spese correnti e ripetitive, l’amministrazione ha previsto sin dal bilancio 2018-2020…

Continua a leggere l’articolo

 

Novità editoriale:
Guida alla tracciabilità dei pagamenti nella PA

Guida alla tracciabilità dei pagamenti nella PA

Enzo Cuzzola - Francesco Cuzzola - Pasquale Cuzzola - Mario Petrulli, 2018, Maggioli Editore
La normativa sulla tracciabilità dei flussi finanziari, introdotta dalla Legge n 136/2010, è stata di recente oggetto di intervento da parte dell’ANAC che, con la delibera n. 556/2017, ha provveduto ad aggiornare le precedenti determinazioni in materia (in particolare la n. 4/2011). Anche il...

34,00 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA