Questo articolo è stato letto 1 volte

Indebitamento

La Corte dei conti-sez. riunite controllo, nega la possibilità di un accollo generalizzato dei debiti dell’ente locale ad una banca, in quanto l’operazione elude i vincoli del patto di stabilità, rendendo infedele la rappresentazione della consistenza di cassa e produce nuovi costi di finanziamento a carico dell’ente; al contempo suggerisce di prevedere nei bandi di gara punteggi più alti per chi accetta tempi di pagamento più lunghi.

(Delibera n. 9/CONTR/2010 del 12 aprile 2010)