Questo articolo è stato letto 2 volte

I sindaci: non siano i Comuni a pagare il conto

Il Governo garantirà l’intera copertura dell’Imu per il 2013, e i fondi per ripianare la prima rata sono stati già individuati. Inoltre, i Comuni potranno presentare i bilanci oltre la scadenza del 30 settembre. È l’esito dell’incontro avvenuto ieri a Palazzo Chigi tra una delegazione dell’Anci guidata dal presidente Piero Fassino, il ministro per gli Affari regionali Graziano Delrio e i sottosegretari all’Economia Paolo Baretta e alla presidenza del Consiglio Filippo Patroni Griffi. «Sulla copertura dell’Imu 2013, ci è stato assicurato che in ogni caso lo Stato si farà carico di garantire ai Comuni l’intero gettito», ha detto Fassino dopo l’incontro a Palazzo Chigi. E il sindaco di Roma, Ignazio Marino, ha riferito che il Governo ha già individuato la copertura dei circa 2,6 miliardi della prima rata. Nel decreto, ha detto ancora Marino, «ci sarà un articolo che stabilisce che le consiliature iniziate dopo il 31 maggio 2013 avranno la possibilità di presentare i bilanci oltre la scadenza del 30 settembre 2013». E ci sarà l’avvio di una riforma fiscale in senso federalista che porterà nelle casse dei Comuni risorse certe e aggiuntive. Sulla service tax: l’Anci, ha riferito Fassino, ha avuto ampie assicurazioni che modalità, tempi e criteri saranno discussi con i Comuni.

Fonte: Il Sole 24 Ore