Questo articolo è stato letto 1 volte

Emendamenti al D.L. 101/2013 per il personale dirigente a tempo determinato negli Enti locali.

Al D.L.101/2013 è stato inserito l’art.3 bis previsto nell’emendamento n.3.0.100, approvato dalla commissione in sede referente, il quale disciplina quanto segue:

L’articolo, al comma 1, autorizza sperimentalmente per il prossimo biennio i Comuni a conferire – attraverso pubbliche selezioni, le cui modalità sono in parte rimesse agli enti ed in parte specificate dal comma stesso – incarichi a tempo determinato di dirigente comunale.

Secondo il comma 2, gli incarichi così conferiti possono essere stipulati con strumenti di diritto privato, per una quantità non superiore al 20% dell’organico a tempo indeterminato (ma comunque per almeno un’unità), oltre il limite previsto dalla legislazione vigente che è attualmente pari al 10% di quell’organico (che sale al 20% o al 13%, nel caso di comuni di minore ampiezza demografica).

Il comma 3, infine, prevede che l’affidamento degli incarichi sia subordinato solo

– ai vincoli di spesa relativi al patto di stabilità;

– alla previsione che vieta – o limita – le assunzioni negli enti locali in ragione della percentuale di spesa per il personale su quella corrente (a seconda che sia – o meno – superiore al 50%);

– alle disposizioni di principio per la riduzione della spesa per il personale richiamate dalla legge finanziaria 2007 (legge 296 del 2006, art. 1, comma 557)”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA