Questo articolo è stato letto 65 volte

Differibili i termini per i bilanci 2019

Fonte: il sole24ore

Commercialisti: rinvio reso necessario dal censimento degli aiuti erogati dalla Pa

Si allungano i tempi per approvare il bilancio 2019 a causa delle recenti novità in materia di sovvenzioni Pa e di rivalutazione dei beni di impresa. Lo sostiene il Consiglio nazionale dei commercialisti in un comunicato diramato ieri.

La prima novità, sulle sovvenzioni, è stata introdotta dall’articolo 1, commi 125-129 della legge 124/2017; in base a questa norma le imprese che ricevono sovvenzioni, contributi, incarichi retribuiti e comunque vantaggi economici di qualunque genere dalle pubbliche amministrazioni e dai soggetti a queste equiparati devono pubblicare tali importi quando l’ammontare complessivo non sia inferiore a 10mila euro nella nota integrativa del bilancio di esercizio e, se predisposto, nella nota integrativa del bilancio consolidato. «Un adempimento – che evidenzia Raffaele Marcello, consigliere nazionale dei commercialisti con delega ai principi contabili – sta creando non poche apprensioni ai colleghi e alle società. Una preoccupazione giustificata anche dal fatto che il mancato assolvimento dell’obbligo comporta una sanzione restitutoria». Per chiarire i punti “dubbi” di questo nuovo obbligo il Consiglio nazionale sta preparando un documento esplicativo/interpretativo.

Per i commercialisti il differimento dei termini del bilancio può scattare anche per le rivalutazioni dei beni di impresa (legge 145/2018, articolo 1, commi 940-950), che richiedono apposite perizie di stima per verificare la convenienza dell’operazione.

L’allungamento dei termini da 120 a 180 giorni per l’approvazione del bilancio d’esercizio è previsto dal Codice civile (articoli 2364 de 2478-bis) qualora «lo richiedono particolari esigenze relative alla struttura ed all’oggetto della società». Le aziende potranno decidere, attraverso l’assemblea dei soci, di rinviare l’approvazione del bilancio ma solo se lo statuto sociale prevede questa possibilità.

Rassegna stampa in collaborazione con Mimesi s.r.l.

© RIPRODUZIONE RISERVATA