Questo articolo è stato letto 463 volte

Danno erariale all’economo comunale che non controlla le spese

Approfondimento di V. Giannotti

danno_erariale

Il pagamento delle ricevute fiscali per missioni per pasti relativi a più commensali e prive dei nominativi dei fruitori nonché delle prescritte autorizzazioni, unitamente alle spese per l’acquisto di composizioni floreali in occasione di eventi luttuosi riguardati dipendenti e un ex segretario comunale, genera danno erariale ascrivibile all’economo comunale. Tali sono le conclusioni cui è pervenuta la Corte dei conti, Sezione giurisdizionale per la regione Siciliana, nella sentenza 18/10/2018 n.826.

Le motivazioni del rinvio a giudizio dell’economo

A seguito del risconto del conto giudiziale depositato dall’economo, il magistrato istruttore evidenziava alcune criticità concernenti la gestione economale riconducibili ad una non corretta gestione delle spese di missione e all’illecito esborso per l’acquisto di composizioni floreali in occasione di eventi luttuosi. Le potenziali poste di danno erariale contestate riguardavano due diverse fattispecie: la prima riconducibile ad alcune ricevute fiscali per pasti relativi a più commensali e prive dei nominativi dei fruitori nonché delle prescritte autorizzazioni…

Continua a leggere

© RIPRODUZIONE RISERVATA