Questo articolo è stato letto 3 volte

D.l. 35/2013: le prime istruzioni applicative

L’Anci pubblica una nota per aiutare agli amministratori comunali ad applicare la norma sullo sblocco dei pagamenti, ma resta il nodo dei comuni virtuosi

Il decreto 35/2013, meglio conosciuto come lo “sblocca debiti”, stabilisce che per i lavori pubblici non solo possono entrare le fatture ma anche gli stati di avanzamento, il conto totale dei lavori, gli accordi bonari e gli espropri approvati entro fine 2012; alla medesima maniera, possono trarre una spinta anche i conferimenti e gli aumenti di capitale alle partecipate, attestati da provvedimenti assunti entro il 31 dicembre, e sulle altre spese è necessario tenere presente “un documento che ne attesti l’esigibilità”.

Continua a leggere l’approfondimento