Questo articolo è stato letto 4 volte

Cura dimagrante per pubblico impiego: – 368 mila. I comuni segnano il calo più forte: -10,6%

Negli ultimi dieci anni si è verificata una forte contrazione nel numero dei lavoratori pubblici. Nel 2011 si contano poco più di 2,8 milioni di dipendenti, al netto degli appartenenti alle forze armate e ai corpi di polizia, con una caduta dell’11,5% rispetto al 2011, ovvero di 368 mila unità. È quanto emerge dal 9° Censimento Istat su Industria e servizi, Istituzioni pubbliche e Non Profit (> il comunicato stampa generale > il comunicato sul nuovo volto della p.a.).
Alla rilevazione hanno partecipato oltre 300 mila organizzazioni non profit, 13 milaistituzioni pubbliche e un campione di 260 mila imprese (tutte quelle con 20 e più addetti e circa190 mila unità produttive di piccole e piccolissime dimensioni).
Innovativa nel metodo e nelle tecniche di rilevazione, l’operazione censuaria si è caratterizzata per un uso quasi capillare del web da parte dei soggetti coinvolti nella compilazione dei questionari. Proprio questo ha consentito la pubblicazione dei dati definitivi a distanza di soli quattro mesi dalla chiusura delle rilevazioni sul campo.
Presentando il nuovo censimento dell’industria, dei servizi e delle istituzioni pubbliche, l’Istat spiega come “la trasformazione di enti da diritto pubblico a diritto privato e le politiche di limitazione del turnover dei dipendenti hanno comportato un calo anche nell’occupazione”. Oltre alla diminuzione dei dipendenti, nel settore pubblico si riducono anche i lavoratori temporanei (-21,3%), mentre aumentano in misura considerevole, del 18%, i lavoratori esterni. Nel dettaglio, tra gli enti locali, i comuni segnano il calo più forte del numero di addetti (-10,6%). Meno marcata è stata invece la contrazione nelle regioni (-8,6%).

I dati sono stati presentati ieri durante una conferenza stampa che si è tenuta alla Presidenza del Consiglio dei Ministri. Sul sito dell’Istat sono disponibili le slides degli interventi, in particolare Istituzioni pubbliche e non profit: un quadro d’insieme.
> Per maggiori approfondimenti